Passa ai contenuti principali

Contro l’occupazione delle scuole scendano in campo i genitori - di Gennaro Capodanno

“ Contro il caos ed il disordine che regna nella scuola, dopo l’occupazione attuata o in via d’attuazione in tante scuole di Napoli e provincia, sovente con danni alle strutture ed alle suppellettili, sono dell’avviso che debbano scendere in campo anche i genitori - afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari.  Siamo stufi di assistere impotenti ogni anno a questi gravi episodi, fomentati da un manipolo di scalmanati, manovrati presumibilmente per creare confusione, esponendo tanti studenti a rischi ed a conseguenze facilmente immaginabili. Sono convinto che la maggior parte dei ragazzi interessati vorrebbero tornare a fare regolarmente lezione  “.
“ Peraltro si osserva nei giovani una profonda ignoranza dei fatti per i quali viene inscenata la protesta e delle conseguenze alle quali possono andare incontro attuando iniziative palesemente illegittime – continua Capodanno -. Una parte delle responsabilità va anche a chi dovrebbe educarli a comprendere l’inutilità di queste azioni e le gravi ripercussioni che esse possono generare “.
            “ Su questo grave problema, che riguarda tantissime famiglie, chiediamo che venga posta in campo immediatamente un’iniziativa forte ed autorevole dello Stato e delle sue istituzioni – conclude Capodanno -. A nessuno può e deve essere consentito l’interruzione immotivata di un servizio pubblico essenziale quale la scuola, con la possibilità, neppure tanto remota, di far annullare l’intero anno scolastico. Per questo auspichiamo l’intervento delle forze dell’ordine per lo sgombero immediato di tutte le scuole, ove sono in atto illegittime forme di protesta, nonché l’intervento della stessa Magistratura penale, anche per comprendere quali effettive responsabilità si nascondano dietro queste iniziative che, da anni, con motivazioni che appaiono del tutto pretestuose, si ripetono nella scuola pubblica sistematicamente durante il periodo prenatalizio “.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…