Passa ai contenuti principali

Ambrogino d'oro a Paola Bonzi: una vittoria della civiltà

Il Comune di Milano, dimostrandosi libero dalle pressioni ideologiche, ha deciso di premiare il lavoro inestimabile Di Paola Bonzi presso il Centro di Aiuto alla Vita della clinica Mangiagalli a favore della vita e delle donne. Speriamo che questo porti anche a un sostegno economico al Centro di Aiuto alla Vita per permettergli di continuare la sua opera utile a tutta la nostra società milanese. Paola Bonzi potrà così aiutare a far nascere altri bambini e a responsabilizzare altre mamme anche grazie al riconoscimento massimo della città milanese.
Riportiamo qui sotto un articolo di Italia Post sull'argomento:

Paola Bonzi è Ambrogino D’Oro!!! La gioia su Italia Post della donna CAV, che difende la vita
di Gabriele Legramandi - 23 novembre 2013.

A Milano vince la Vita: ieri in serata è stata diffusa la notizia dell’assegnazione a Paola Bonzi dell’Ambrogino d’oro, massima onorificenza del Comune di Milano. La direttrice del Centro d’Aiuto alla Vita della clinica Mangiagalli vede riconosciuto il suo decennale lavoro al servizio della Vita e di quelle 16.000 donne che grazie a lei hanno potuto dare la luce ai loro 16.000 bambini.

Italia Post ha raccolto le sue dichiarazioni immediatamente dopo l’arrivo della notizia, e Paola ancora una volta è stata capace di stupire: ”La vittoria? Sei gentile… Ma la vittoria vera l’ho avuta stamattina. Ho chiamato Elena che stava per abortire, le ho chiesto: dove sei? Mi ha risposto: ‘Sono rimasta a casa’. Io l’Ambrogino l’ho vinto stamattina, non di sera”. La stra-ordinarietà di Paola Bonzi sta proprio in questa sua estrema e sincera semplicità, che le permette di vivere il suo lavoro non come eroismo ma come dovere perfettamente iscritto in una sua ordinarietà. Proprio questo è ciò che più mi ha colpito quando ho conosciuto Paola in occasione della campagna di raccolta fondi per il CAV e  della raccolta firme in sostegno alla sua candidatura all’Ambrogino d’oro.

bonziUna vittoria anche per quelle poco meno di 1.000 persone che hanno firmato la petizione per raggiungere questo traguardo. Una vittoria per quei politici, giornalisti, esponenti del mondo produttivo e professionale e cittadini comuni che si sono spesi per dare ampia visibilità e massimo sostegno a Paola Bonzi e al suo grande lavoro. Una vittoria anche nostra, che abbiamo seguito e sostenuto in più articoli questo percorso.

Il consigliere provinciale e di Zona 8 a Milano Nicolò Mardegan è il politico che più si è speso non solo per il riconoscimento della benemerenza civica a Paola Bonzi, ma anche per trovare l’adeguato sostegno economico affinchè il CAV Mangiagalli potesse sopravvivere ai tagli che hanno rischiato di costringere il centro alla chiusura. Esprime a noi grande soddisfazione: ”È un Ambrogino che viene dal basso – commenta a caldo mentre si trova proprio con Paola Bonzi – Abbiamo raccolto quasi mille firme. Grazie ai ragazzi del LAB Idee che le hanno raccolte, ai consiglieri comunali del centrodestra che le hanno accolte, a Pizzul del PD. Grazie agli unici 2 giornali che sono stati assieme a noi: Il Giornale e Italia Post. Grazie a chi ha organizzato il grandissimo evento del 25 Settembre: c’era il meglio di Milano”.

Una vittoria felice, meritata, cercata, importante per il riconoscimento del sostegno alla Vita come servizio prezioso e indispensabile per l’intera società e, in questo caso, per la città di Milano. Con questa decisione inoltre si riabilita il senso della più alta benemerenza civica, negli ultimi anni un po’ troppo inflazionata. Molti, come il Rotaract, e a volte inaspettati sono stati i sostenitori di Paola Bonzi, come la ginecologa Alessandra Kunstermann, e purtroppo anche molti e inaspettati gli attacchi, specialmente dai partiti più estremi e ideologici della sinistra milanese. E’ con gioia però che constatiamo il superamento di queste logiche da parte della Giunta nell’assegnazione della più alta benemerenza civica della città, in favore di chi questa città l’ha servita a partire dai più deboli e dagli ultimi, aiutando le donne a far nascere i propri bambini.

I nostri complimenti quindi a Paola Bonzi, ma soprattutto a lei vanno i nostri migliori auguri perchè continui a vincere ogni giorno, e ancora per molti giorni, il premio che sappiamo essere per lei e per il suo lavoro il più grande e importante che possa ricevere: il dono della Vita.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …