Passa ai contenuti principali

Tutelare i diritti dell'infanzia e la libertà di educazione a Milano - di Marco Cattaneo

All'inizio del mese di ottobre il Comune di Milano doveva rinnovare le convenzioni con le scuole dell'infanzia paritarieLa trattativa non è stata facile, un po' per la difficile situazione economica (delle casse comunali e dei cittadini), un po' per il solito scetticismo verso gli enti educativi non statali, reso ancora più accentuato dai risultati del referendum bolognese della scorsa primavera (con cui, nonostante l'affluenza bassissima, sono stati sospesi i finanziamenti comunali alle scuole paritarie).
Il risultato è che oggi ci sono ancora 1.131 bambini in lista d'attesa. Questa situazione è stata certamente causata da difficoltà ed errori amministrativi, ma è anche frutto di un'ideologia statalista e anti-pluralista che comporta disservizi ai cittadini e sprechi nel bilancio comunale, ma che soprattutto finisce per non rispettare la libertà di educazione dei genitori e i diritti dei bambini.
Per quest'anno sembra che sia troppo tardi per riconsiderare il problema nel suo complesso. Ma con questa petizione chiediamo al sindaco Giuliano Pisapia e all'assessore all'educazione e all'istruzione Francesco Cappelli di assumere un impegno pubblico, per il futuro, nel considerare le scuole paritarie milanesi una risorsa economica e culturale e non un fastidio di cui si debba fare a meno il più possibile.
Firma qui sotto la petizione:
Marco Cattaneo

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…