Passa ai contenuti principali

Anticipo a 5 anni, l'unica soluzione "praticabile" - di APEF

Se non ci fossimo abituati da vari lustri, potremmo ancora stupirci dell'ennesima levata di scudi del sindacato della Scuola nei confronti della possibilità di sperimentare il percorso del II ciclo in quattro anni, recentemente concessa dal Ministro Carrozza ad alcune Scuole del Nord. I toni apocalittici dei nostri sindacalisti, notoriamente riformisti, gridano al fatto compiuto (una sperimentazione?) e all'assenza di un
confronto collettivo da avviare (ma non se ne parla dal 2001, allora Ministro Berlinguer?).
Insomma, la possibilità di uscita dei nostri ragazzi a 18 anni come avviene nel resto del mondo non passerà anche questa volta, come ha dimostrato la storia di quest'ultimo decennio. Perchè, in definitiva, quello che conta è che, poichè la Scuola è prioritariamente un ufficio di collocamento, qualsiasi soluzione che ne riduca di un anno il percorso è valutata esclusivamente in termini di riduzione di posti di lavoro, questione che azzera qualsiasi altra considerazione. E se non ci è riuscito Luigi Berlinguer (con la proposta di accorpare elementari e medie in 7 anni) e la Moratti (con la riduzione a 4 anni del II ciclo), con maggioranze di governo ben più solide di queste, lasciamo ogni speranza che l'attuale governo abbia il coraggio di fare qualcosa, con il Sindacato contro. Con buona pace dei nostri ragazzi che saranno indietro, in termini di chanches, di un anno rispetto ai loro colleghi europei.
In realtà una soluzione che salverebbe le capre e i cavoli potrebbe essere quella dell'anticipo scolastico a 5 anni di età, già proposta dal Ministro Moratti nella sua Legge di Riforma ( la L.53 del 2003). Anche allora ed anche su questo ci fu una levata di scudi ma anche un dibattito che ha animato il mondo della scuola per alcuni anni.
Tuttavia, noi riteniamo che sia una falsa querelle la questione dell’anticipo scolastico al primo ciclo di istruzione, ma anche che possa essere, dato il contesto, non la sola soluzione possibile ma l'unica praticabile.
Infatti, non vi è difficolta’ a comprendere che questa sia l’unica soluzione (se la matematica non è un’opinione) per avere contemporaneamente: l’uscita dei nostri ragazzi dall’istruzione scolastica a 18 anni (come chiede l'Europa), il mantenimento della durata dell’istruzione liceale a 5 anni e la durata del percorso formativo a 13 anni. Inoltre, siamo assolutamente favorevoli a questo anticipo, per tre ordini di
motivi.
Il primo è che riteniamo che questa soluzione sia coerente con lo sviluppo evolutivo ormai mediamente raggiunto, ed acclarato scientificamente, dai bambini di questa fascia di età.
Il secondo è che così si accoglie una esigenza di moltissimi genitori che ogni anno sono costretti ad iscrivere anticipatamente i loro figli alle scuole non statali, che consentono la frequenza a 5 anni, per poi passare alla scuola statale (questo molti fingono di dimenticarlo).
Il terzo è che comunque, nel rispetto di una libera scelta, si potrebbe proporre l'anticipo a 5 anni come possibilità e non come un obbligo.
Altre soluzioni non sono state prospettate, salvo la ben nota conservazione dell'esistente, all'infinito.
Paola Tonna
presidente APEF
Roma 30 ottobre 2013

Commenti

  1. Questa soluzione è palesemente da incompetenti. basterebbe aver varcato almeno una volta la soglia di una scuola primaria per vedere l'abisso che, spesso, c'è tra un bambino di 5 anni e uno di 6.
    per favore, prima cerchiamo di conoscere le realtà di cui si parla e su cui vorremmo intervenire.
    grazie

    P.S.:senza contare che per i nostri interessi facciamo il male di tanti bambini e insegnanti della primaria.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…