Passa ai contenuti principali

Un altro punto di vista sul Concorso DS Lombardia

Resta ancora viva la discussione sulla sentenza del concorso per dirigenti scolastici in Lombardia, dopo mesi dalla sua pubblicazione. Comprendiamo le ragioni e le diverse posizioni di tutte le voci che, da più parti, si fanno sentire sia sull'interpretazione del dispositivo sia sulle soluzioni prospettate recentemente per garantire alle scuole lombarde un regolare avvio d'anno.
Pur condividendo in parte molte osservazioni fra quelle che abbiamo letto in questo periodo, sentiamo però l'esigenza di far conoscere anche il nostro punto di vista.
Siamo un gruppo di docenti che ha superato tutte le fasi dell’ultimo concorso a Dirigenti Scolastici della Regione Lombardia. Un concorso molto impegnativo che ha saputo vagliare in modo completo ed efficace le conoscenze e le competenze dei partecipanti.
Circa un anno fa ognuno di noi festeggiava con orgoglio e con piena soddisfazione personale il conseguimento meritato di un difficile traguardo e, con un certo ottimismo, progettava un futuro professionale ricco di stimoli e nuove opportunità.
Purtroppo, la nostra gioia è stata bruscamente interrotta dalla sentenza del Tar Lombardia, cui ha fatto seguito una lunga vicenda processuale che ha portato alla recente sentenza del Consiglio di Stato di parziale annullamento del concorso.
Com’è noto, il Consiglio di Stato ha disposto la ricorrezione delle prove scritte, equiparando le condizioni di tutti i partecipanti al concorso che hanno superato la prova preselettiva d’ingresso.
Noi crediamo sia opportuno e giusto ripartire dunque da questa condizione determinata dalla sentenza, ovvero considerarci tutti insieme di nuovo concorrenti, nella volontà di superare ogni ostracismo e contrapposizione tra le differenti posizioni, ciò che invece ha caratterizzato il dialogo a distanza tra gli ex idonei e gli ex ricorrenti. Siamo ora in 996 e abbiamo un interesse comune: arrivare alla fine di questa nuova procedura amministrativa apertasi in attuazione della sentenza del Consiglio di Stato.
Siamo pienamente consapevoli che la ricorrezione delle prove scritte non sarà priva di rischi e difficoltà, in particolare per l’allungamento dei tempi, il possibile innesco di altre polemiche, la probabilità di nuovi ricorsi, ma nonostante tutto abbiamo fiducia nella giustizia e rispettiamo la sentenza che le ha richieste. Attendiamo quindi in modo composto e nel rispetto dei vari ruoli che si dia seguito all’espletamento delle operazioni previste dal dispositivo della sentenza, con la nomina delle commissioni e l’avvio della procedura di ricorrezione. Siamo certi che la nuova commissione lavorerà in modo serio e puntuale e restituirà a tutti noi quella dignità umana e professionale dimostrata sul campo durante tutti gli anni spesi al servizio della nostra scuola. Riponendo la nostra fiducia nello Stato ed in tutti coloro che hanno a cuore l’istruzione (i cittadini, gli utenti, i politici, i sindacati), aspettiamo con animo sereno il prosieguo dell’iter concorsuale, facendoci interpreti dei pensieri e dei sentimenti di chi, come noi, non è e non si sente rappresentato da alcun portavoce.
17/09/2013
Maria Carfagno, Miriam Sebastiana Etzo, Elda Frojo, Enzo Michelangeli, Veronica Migani, Incoronata Nigro, Paola Nobili, Mavina Pietraforte, Angela Sclavi, Gemma Scolari, Giovanni Scolari.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…