Passa ai contenuti principali

La scuola sostenibile - di Laura Alberico

Parlare di sostenibilità significa farsi carico delle problematiche inerenti  un determinato sistema, più propriamente quello ambientale che ci vede tutti partecipi di un cambiamento od anche un capovolgimento degli equilibri sui quali si fonda tutta la natura ed anche la specie umana.
Ma, alla stessa stregua di un qualunque “sistema” l’istituzione scolastica pone in essere l’urgenza di una “sostenibilità” in quanto necessita di interventi adeguati, compatibili con le necessità che la formazione richiede. Ed anche in questo contesto le risorse, umane ed economiche, devono essere trovate per ristabilire un giusto equilibrio nella rete di relazioni che legano gli enti preposti alle figure professionali che svolgono la propria funzione. Esiste ed è possibile una sostenibilità che garantisca la formazione ma essa ha bisogno di essere coltivata e sviluppata in un terreno favorevole dove gli strumenti diventino occasioni di confronto e di crescita per l’intera collettività. Innovazione e cambiamento sono spesso una architettura priva di basi se risulta difficile contestualizzarli e metterli veramente in pratica. Per questo motivo si evidenziano spesso discrasie e contraddizioni tra quanto si vorrebbe investire in risorse  (umane e strutturali) e quanto invece è possibile fare se i mezzi non sono sufficienti.  La scuola sostenibile è una scuola che garantisce e sostiene  la sinergia di interventi, la formazione e l’educazione delle pari opportunità, il confronto inteso come occasione  di crescita, personale e collettiva. La scuola ha sempre rappresentato un anello debole della società anche se ad essa sono riservate funzioni e compiti complessi e delicati. In questo periodo storico famiglia, scuola, lavoro rivelano tutte le  criticità di un cambiamento sociale ed economico che tende a rompere e minare gli equilibri esistenti. Per questo parlare di sostenibilità diventa necessario ed anche doveroso.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…