Passa ai contenuti principali

La scuola sostenibile - di Laura Alberico

Parlare di sostenibilità significa farsi carico delle problematiche inerenti  un determinato sistema, più propriamente quello ambientale che ci vede tutti partecipi di un cambiamento od anche un capovolgimento degli equilibri sui quali si fonda tutta la natura ed anche la specie umana.
Ma, alla stessa stregua di un qualunque “sistema” l’istituzione scolastica pone in essere l’urgenza di una “sostenibilità” in quanto necessita di interventi adeguati, compatibili con le necessità che la formazione richiede. Ed anche in questo contesto le risorse, umane ed economiche, devono essere trovate per ristabilire un giusto equilibrio nella rete di relazioni che legano gli enti preposti alle figure professionali che svolgono la propria funzione. Esiste ed è possibile una sostenibilità che garantisca la formazione ma essa ha bisogno di essere coltivata e sviluppata in un terreno favorevole dove gli strumenti diventino occasioni di confronto e di crescita per l’intera collettività. Innovazione e cambiamento sono spesso una architettura priva di basi se risulta difficile contestualizzarli e metterli veramente in pratica. Per questo motivo si evidenziano spesso discrasie e contraddizioni tra quanto si vorrebbe investire in risorse  (umane e strutturali) e quanto invece è possibile fare se i mezzi non sono sufficienti.  La scuola sostenibile è una scuola che garantisce e sostiene  la sinergia di interventi, la formazione e l’educazione delle pari opportunità, il confronto inteso come occasione  di crescita, personale e collettiva. La scuola ha sempre rappresentato un anello debole della società anche se ad essa sono riservate funzioni e compiti complessi e delicati. In questo periodo storico famiglia, scuola, lavoro rivelano tutte le  criticità di un cambiamento sociale ed economico che tende a rompere e minare gli equilibri esistenti. Per questo parlare di sostenibilità diventa necessario ed anche doveroso.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…