Passa ai contenuti principali

Dalla parte dei poveri: la “pace” tra la teologia della liberazione e il Vaticano

Domenica 8 settembre Gustavo Gutiérrez e mons. Müller, autori di Dalla parte dei poveri, insieme al Festivaletteratura di Mantova
Il nuovo libro di p. Gustavo Gutiérrez e mons. Gerhard Ludwig Müller
sancisce la “pace” tra la teologia della liberazione e il Vaticano
Bologna - Padova, 4 settembre 2013
Nell’anno che ha visto eletto il primo papa sudamericano, Francesco, che vuole “una chiesa povera e per i poveri”, esce il libro che sancisce la fine della distanza tra la teologia della liberazione, il movimento teologico nato in America latina per pensare la fede cattolica in un contesto di povertà, e il Vaticano, spesso critico verso questo tipo di riflessione.
Dalla parte dei poveri. Teologia della liberazione, teologia della chiesa (coedizione Edizioni Messaggero Padova – Editrice Missionaria Italiana, pp. 192, euro 15, in libreria dal 9 settembre) è il libro scritto insieme da padre Gustavo Gutiérrez, teologo domenicano peruviano, “padre” della teologia della liberazione, e mons. Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede del Vaticano, successore (dopo il card. Levada) di Joseph Ratzinger all’ex Sant’Uffizio, colui che più mise sotto osservazione la teologia della liberazione durante gli anni Ottanta e Novanta.
Ora questo libro ristabilisce piena legittimità alla teologia della liberazione da parte della più alta figura ecclesiastica in materia di dottrina, appunto il prefetto Müller, il quale scrive: “La chiesa universale non può rinunciare a un ulteriore sviluppo e a un’applicazione della teologia della liberazione. […] La teologia della liberazione svolge un’opera indispensabile per il servizio della chiesa di Cristo a favore dell’umanità. Essa è irrinunciabile”.
Müller, che qualifica come suo “amico” padre Gutiérrez (il già arcivescovo di Ratisbona è stato allievo del teologo peruviano), sottolinea in più punti la sua stima per la teologia della liberazione. Parla di “novità teoretica” della stessa, capace di unire amore di Dio e amore per il prossimo. Il prefetto dell’ex Sant’Uffizio conclude con un’affermazione encomiastica del pensiero teologico nato nel continente di papa Francesco: “Solo per mezzo della Teologia della liberazione la teologia cattolica ha potuto emanciparsi dal dilemma dualistico di aldiquà e aldilà, di felicità terrena e salvezza ultraterrena”.
Gutiérrez ricorda e àncora il messaggio della teologia della liberazione al magistero sociale della Chiesa, di papa Giovanni XXIII, di Paolo VI e poi di Giovanni Paolo II. Spiega la natura non politica né ideologica bensì teologica dell’espressione “opzione preferenziale per i poveri” che la teologia sudamericana ha trasmesso all’intera chiesa: “Questo impegno si basa fondamentalmente sulla fede nel Dio di Gesù Cristo. È un’opzione teocentrica e profetica che affonda le proprie radici nella gratuità dell’amore di Dio”.
Sono poi molti gli spunti che accomunano i due autori: la presa di distanza dal marxismo nell’approccio al problema della povertà; l’urgenza di rimettere al centro della vita della chiesa attuale la questione degli “impoveriti” e delle disuguaglianze strutturali tra Nord e Sud del mondo; la critica al modello economico neoliberista esportato e diffuso dalla globalizzazione.
Gustavo Gutiérrez e mons. Gerhard Ludwig Müller presenteranno in anteprima il loro libro a Mantova durante Festivaletteratura domenica 8 settembre alle ore 16 nella Basilica Palatina di Santa Barbara (titolo dell’incontro, “Sogno una chiesa povera tra i poveri”). Modera l’incontro il teologo padre Ugo Sartorio.
Gli autori saranno a disposizione per incontri con la stampa in occasione del prossimo Festivaletteratura. Per accreditarsi presso la sala stampa della manifestazione  http://www.festivaletteratura.it/accredito.php


Per informazioni:

Chiara Brivio
Ufficio stampa
EMI - Editrice Missionaria Italiana
Via di Corticella 179/4 - 40128 Bologna
cell. 328 0387080
tel. 051.326027 - fax 051.327552
segreteria@emi.it
www.emi.it


Sabina Fadel
Messaggero di S. Antonio Editrice
Via Orto Botanico 11 - 35123 Padova
Tel. 049.8225777 – Fax 049.8225650
s.fadel@santantonio.org
www.edizionimessaggero.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.