Passa ai contenuti principali

Dalla parte dei poveri: la “pace” tra la teologia della liberazione e il Vaticano

Domenica 8 settembre Gustavo Gutiérrez e mons. Müller, autori di Dalla parte dei poveri, insieme al Festivaletteratura di Mantova
Il nuovo libro di p. Gustavo Gutiérrez e mons. Gerhard Ludwig Müller
sancisce la “pace” tra la teologia della liberazione e il Vaticano
Bologna - Padova, 4 settembre 2013
Nell’anno che ha visto eletto il primo papa sudamericano, Francesco, che vuole “una chiesa povera e per i poveri”, esce il libro che sancisce la fine della distanza tra la teologia della liberazione, il movimento teologico nato in America latina per pensare la fede cattolica in un contesto di povertà, e il Vaticano, spesso critico verso questo tipo di riflessione.
Dalla parte dei poveri. Teologia della liberazione, teologia della chiesa (coedizione Edizioni Messaggero Padova – Editrice Missionaria Italiana, pp. 192, euro 15, in libreria dal 9 settembre) è il libro scritto insieme da padre Gustavo Gutiérrez, teologo domenicano peruviano, “padre” della teologia della liberazione, e mons. Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede del Vaticano, successore (dopo il card. Levada) di Joseph Ratzinger all’ex Sant’Uffizio, colui che più mise sotto osservazione la teologia della liberazione durante gli anni Ottanta e Novanta.
Ora questo libro ristabilisce piena legittimità alla teologia della liberazione da parte della più alta figura ecclesiastica in materia di dottrina, appunto il prefetto Müller, il quale scrive: “La chiesa universale non può rinunciare a un ulteriore sviluppo e a un’applicazione della teologia della liberazione. […] La teologia della liberazione svolge un’opera indispensabile per il servizio della chiesa di Cristo a favore dell’umanità. Essa è irrinunciabile”.
Müller, che qualifica come suo “amico” padre Gutiérrez (il già arcivescovo di Ratisbona è stato allievo del teologo peruviano), sottolinea in più punti la sua stima per la teologia della liberazione. Parla di “novità teoretica” della stessa, capace di unire amore di Dio e amore per il prossimo. Il prefetto dell’ex Sant’Uffizio conclude con un’affermazione encomiastica del pensiero teologico nato nel continente di papa Francesco: “Solo per mezzo della Teologia della liberazione la teologia cattolica ha potuto emanciparsi dal dilemma dualistico di aldiquà e aldilà, di felicità terrena e salvezza ultraterrena”.
Gutiérrez ricorda e àncora il messaggio della teologia della liberazione al magistero sociale della Chiesa, di papa Giovanni XXIII, di Paolo VI e poi di Giovanni Paolo II. Spiega la natura non politica né ideologica bensì teologica dell’espressione “opzione preferenziale per i poveri” che la teologia sudamericana ha trasmesso all’intera chiesa: “Questo impegno si basa fondamentalmente sulla fede nel Dio di Gesù Cristo. È un’opzione teocentrica e profetica che affonda le proprie radici nella gratuità dell’amore di Dio”.
Sono poi molti gli spunti che accomunano i due autori: la presa di distanza dal marxismo nell’approccio al problema della povertà; l’urgenza di rimettere al centro della vita della chiesa attuale la questione degli “impoveriti” e delle disuguaglianze strutturali tra Nord e Sud del mondo; la critica al modello economico neoliberista esportato e diffuso dalla globalizzazione.
Gustavo Gutiérrez e mons. Gerhard Ludwig Müller presenteranno in anteprima il loro libro a Mantova durante Festivaletteratura domenica 8 settembre alle ore 16 nella Basilica Palatina di Santa Barbara (titolo dell’incontro, “Sogno una chiesa povera tra i poveri”). Modera l’incontro il teologo padre Ugo Sartorio.
Gli autori saranno a disposizione per incontri con la stampa in occasione del prossimo Festivaletteratura. Per accreditarsi presso la sala stampa della manifestazione  http://www.festivaletteratura.it/accredito.php


Per informazioni:

Chiara Brivio
Ufficio stampa
EMI - Editrice Missionaria Italiana
Via di Corticella 179/4 - 40128 Bologna
cell. 328 0387080
tel. 051.326027 - fax 051.327552
segreteria@emi.it
www.emi.it


Sabina Fadel
Messaggero di S. Antonio Editrice
Via Orto Botanico 11 - 35123 Padova
Tel. 049.8225777 – Fax 049.8225650
s.fadel@santantonio.org
www.edizionimessaggero.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…