Passa ai contenuti principali

Ti giri e - di Daniele Sammartino

TI GIRI E...-Daniele Sammartino
introduzione 

Finalmente era arrivata l'estate. Era ora di partire per una bella settimana al mare. Il signor. Enrico Tera, però, a contrario di quello che si possa pensare, non lo amava più di tanto. Anzi per dirla proprio tutta, non gli piaceva per niente. Ma la domanda che può sorgere spontanea al lettore è: perché ci andava?
Perché non preferiva la montagna o una città d'arte, dopotutto ce ne sono molte in Italia, sia di montagne sia di città grandiose. Ma al nostro protagonista non interessavano le altre possibili mete. Era legato indissolubilmente alla Liguria, e ancor di più alla cittadina di Albenga, non distante dalla più famosa città di San Remo, resa celebre dall'irrinunciabile festival della canzone italiana. C'era qualcosa, qualcosa di insensato e allo stesso tempo di inquietante, che ogni anno lo spingeva ad andare là in vacanza. Era difficile da spiegare, ma era così. Dopotutto Albenga è Albenga, una cittadina fantastica.
Enrico soggiornava sempre nello stesso hotel, frequentato prevalentemente da persone anziane. Era un posto tranquillo e rilassante, in cui soggiornavano sempre le stesse persone. Spesso i proprietari organizzavano piccoli tornei di boccette, di tombola e di freccette, per far trascorrere il  tempo più velocemente. Enrico non era "vecchio", era sulla trentina, ma amava quel posto. Amava il silenzio, che regnava indisturbato. Conosceva tutti gli ospiti dell'albergo, e andava d'accordo con tutti, tranne che con il signor Piero, ma non se ne curava molto; d'altra parte non lo sopportava nessuno.
Era un uomo sulla settantina, piuttosto alto e stempiato. Gli occhi azzurri erano penetranti e vivi.
Partecipava a tutti i tornei, e se non vinceva se la prendeva con tutti quelli che vi erano nelle vicinanze. Sbraitava, amava sbraitare. Ormai quell'hotel era diventata la sua casa, rimaneva lì mesi e mesi, come del resto molte delle persone che soggiornavano nel "26 maggio". Era sempre di pessimo umore, non scherzava mai, insomma un tipo strano. Ma non più strano di quello che sarebbe successo pochi giorni più tardi.
         

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…