Passa ai contenuti principali

Simenon: raccontarsi per raccontare - di Laura Alberico

Simenon riesce sempre a stupire e lo fa con il garbo del galantuomo, la compassata indifferenza del provinciale, la freddezza del chirurgo in sala operatoria, la semplicità e l’innocenza di un bambino che apre il regalo atteso da tempo.
Poliedrico e versatile analista dei sentimenti li sfiora  senza consumarli, è spettatore e attore di un tempo ciclico che non può in alcun modo essere modificato perché su di esso e sulle vite dei personaggi aleggia una nuvola gravida di pioggia.
Ad ognuna delle sue “creature” artistiche conferisce dignità o disprezzo sostenuti sempre  dalla  malinconia insanabile che ha le radici  nei profondi meandri dell’animo umano. Dall’amalgama di questi sentimenti sgorga sempre la “piètas”, il senso di compassione che restituisce ai perdenti l’ultima possibilità di redenzione e di riscatto. L’assenza di giudizio per le vicende umane più o meno felici rappresenta un aspetto significativo dello stile narrativo di Simenon. Tutti i suoi personaggi riescono a comprendere il mondo e la vita ma  si lasciano trascinare dagli eventi come in un fiume in piena, lasciando tracce di vita vissuta, esili  ragnatele nelle quali il tempo tesse la sua trama. Il tempo ideale e reale si consuma senza perdere il colore e il calore intimo delle stagioni, una scoperta-rivelazione della memoria degli uomini e delle cose a loro appartenute. La sottile malinconia e la solitudine affiorano sempre prepotenti con il gusto amaro della fine che, come un velo pudìco, copre ogni volta il passato e il suo ricordo.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…