Passa ai contenuti principali

Il regolamento Invalsi .. un obbrobrio - di Enrico Maranzana

Se son rose fioriranno” scrive Maurizio Tiriticco per riavviare la cultura della valutazione abbandonata da oltre un decennio” [Dell’Invalsi o del grande fratello].Le rose, arbusti rustici, capaci di vivere anche in ambienti avversi, mostrano la pienezza dei loro caratteri solo se collocate in terreni sapientemente preparati e liberi da malerba.

Fuor di metafora: la problematicità della valutazione del  servizio scolastico  deriva  dalla confusione generata dall’affastellarsi di disposizioni contrastanti e dalla mancanza d’una visione sistemica .

Benedetto Vertecchi fornisce l’incipit all’argomentazione che giustifica l’addebito: anche “Il più perfezionato strumentario per la misurazione degli apprendimenti serve a poco se utilizzato prescindendo da una definizione accurata degli intenti dell’attività che si sta svolgendo, in funzione dei quali si procede all’espressione di un giudizio”, tesi concretizzata dal decreto legislativo 27 ottobre 2009  n. 150 che regola i rapporti di lavoro della pubblica amministrazione.

La norma, al titolo “Misurazione, valutazione e trasparenza della performance”, prescrive:  “L’organo di indirizzo politico-amministrativo di ciascuna amministrazione emana le direttive generali contenenti gli indirizzi strategici”.

 

Riformulando: il Miur DEVE predisporre piani d’azione di lungo termine per indirizzare l’attività delle scuole al conseguimento della finalità del SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE


L’orientamento del sistema scolastico è fissato dall’art. 2 della legge 53/2003: promuovere l’apprendimento che consiste nello sviluppo di “capacità e  competenze, attraverso conoscenze e abilità, generali e specifiche”.

In questa direzione muovono, inascoltati, i regolamenti di riordino del 2010, elusione derivante anche dalla  formulazione lasca, non vincolante, delle competenze generali verso cui le scuole DEVONO programmare le loro offerte formative.
Un’inefficacia che il Miur avrebbe evitato se avesse capitalizzato le esperienze giacenti nei suoi archivi, tra cui quella descritta in “La promozione delle competenze” visibile in rete.

Riformulando: l’incisività dei flussi informativi che legano le scuole all’amministrazione centrale è essenziale per
“la progettazione e la realizzazione di interventi di educazione,
di formazione e di istruzione”, SOSTANZA dell’autonomia scolastica



Si tratta di un’esigenza vitale per la scuola, esigenza avversata dal DPR Invalsi: le regole del sistema in cui la scuola è immersa sono contrastate, il nesso Miur-istituti scolastici è eliso, l’elaborazione delle linee strategiche dell’istituzione è affidata all’istituto di valutazione:  le scuole, “soggette a periodiche rilevazioni nazionali sugli apprendimenti e sulle competenze degli studenti, predisposte e organizzate dall’Invalsi anche in raccordo alle analoghe iniziative internazionali”, si autovaluteranno “sulla base di tali rilevazioni e delle elaborazioni sul valore aggiunto”.


Ricordare il monito dei sepolcri imbiancati non è fuori luogo!

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…