Passa ai contenuti principali

Il piacere di essere liberi - di Rory Previti

La libertà.  Per chi ne è privo solo la parola, a pronunciarla produce una cascata di endorfine, il sangue circola veloce, il cuore batte forte, la tensione è alle stelle. Per chi non ha perso la speranza di potere essere un giorno finalmente libero.
Da una dipendenza, da un vizio, da un’ossessione, dal ricordo di un passato di sofferenza, da un padre padrone, da un legame sentimentale sbagliato, da una malattia, da figli che non lasciano mai la casa paterna,  da un lavoro  opprimente, da un lavoro che non c’è, da preoccupazioni finanziarie, da condomini che ti rendono la vita difficile, da pratiche da portare avanti con una pubblica amministrazione che mette solo bastoni tra le ruote. Liberi, finalmente!
Perché, come qualcuno ha già detto,    la vera libertà non è quella di fare, ma anche quella di non fare. E se pensiamo a tutto quello che facciamo obtorto collo, ci chiediamo se esiste qualcuno che sia veramente libero. Sognare, però, è permesso.
 Edward Earle Purinton, autore inglese del secolo scorso, di recente tradotto e ripubblicato, nella sua “Dichiarazione di libertà “, ci dice proprio che bisogna:
Sognare senza giustificarsi;
Agire senza rimpianti;
Avere convinzioni che sono invincibili e inviolabili;
Lavorare con la forza e l’abilità di un uomo – ma giocare con l’ardore e dormire con la fiducia di un bambino;
Non dovere nulla, guadagnare tutto, dare molto, e tenersene un poco;
Mantenere un’ambizione che cinge il mondo – quindi osservare i possedimenti svanire con un sorriso.
Un idealista, sicuramente, Purinton.
Per Michel De Montaigne, più pragmatico, la vera libertà è potere ogni cosa su se stessi. In realtà, se ci riflettiamo, la forza di volontà può contribuire moltissimo a renderci liberi, il controllo è potere.
 Nel sentire comune, quando si pensa alla libertà si fa riferimento solo a se stessi, trascurando il fatto che la propria libertà quasi sempre limita quella degli altri, specie all’interno della famiglia, ma anche in società e, in particolare, in politica e nelle istituzioni.
Quale,  allora, la libertà auspicabile, la libertà possibile, senza nulla togliere al prossimo?
La libertà di fare ciò che veramente desideriamo, di essere noi stessi fino in fondo, di non essere solo come gli altri desiderano, di non essere  per forza come ci vogliono.
La libertà di dire quello che pensiamo, di essere fieri delle nostre idee, di tenere ferma la barra dei nostri principi e delle nostre posizioni. Dire quello che pensiamo non è  sempre facile: a volte ci troviamo nella situazione di dover dire a qualcuno proprio quello che il nostro interlocutore non vorrebbe mai sentire.
Il Signore ha detto: La verità vi farà liberi ( Gv 8/32 ), ma questa frase di Gesù spesso è in conflitto con l’idea di alcuni che pensano che Dio sia piuttosto un limite alla propria libertà.
Certo è che spesso la verità è liberatoria per chi la  dice, ma non lo è per chi ha un’altra verità e ne rivendica il primato.
E l’eutanasia? E’ o non è libertà? L’ultima libertà? Porre fine, per libera scelta ad una vita di sofferenze?
La cosiddetta ultima libertà non può essere considerata una libera scelta perché è indotta sempre da vicissitudini opprimenti, da sofferenze gravi, da mancanza, a volte solo apparente, di vie d’uscita, da situazioni sempre molto condizionanti. Altrettanto liberamente si può scegliere di  non sottrarsi al proprio destino, per quanto amaro.
Non ci si sente liberi quando si è soli, da soli non si riesce a godere della libertà, che si afferma solo in situazione di condivisione.  “  La libertà non è stare sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, la libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione “ cantava  Giorgio Gaber.
Si è più liberi quando si condivide con chi si ama, quando si dà e si riceve amore, anche se gli altri ci condizionano, come noi li condizioniamo.
Libertà può voler dire allora scegliere di non essere del tutto indipendenti, ma fare questa scelta consapevolmente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…