Passa ai contenuti principali

La valorizzazione della professionalità docente: un terreno molto scivoloso - di Enrico Maranzana

“Saranno attuate nuove modalità di carriera e valutazione, un cursus professionale basato sul merito e non sugli scatti automatici degli stipendi. Alla base il sistema di valutazione elaborato dal precedente Governo” [M.C. Carozza] che ha allineato l’Italia “agli altri Paesi Europei sul versante della valutazione dei sistemi formativi pubblici per rispondere agli impegni assunti nel 2011 con l’Unione europea” [Miur]

Evidente l’incongruenza tra intenzionalità e strategia, dissonanza generata sia dall’estrinseca motivazione costitutiva dell’organismo sia dalle sue finalità:
1. tener sotto controllo gli indicatori di efficacia e di efficienza dell’offerte formative elaborate dalle scuole:
traguardo perseguibile se, solamente se i POF sono stati sottoposti a controllo antecedente per accertare la loro compatibilità con le finalità e con “gli obiettivi generali del processo formativo e con gli obiettivi specifici
di apprendimento relativi alle competenze degli alunni” definiti dal Miur Condizione non soddisfatta
2. sostenere le scuole in difficoltà:
Una scuola è in difficoltà se non consegue gli obiettivi programmati. Il superamento di tale carenza implica l’attenta ricerca e capitalizzazione degli scostamenti mete .. risultati. Il disposto ministeriale, che avversa i
rapporti dialogici, prefigura un processo “d’autovalutazione da effettuarsi sulla base di un fascicolo elettronico di dati messi a disposizione dalle banche dati del sistema informativo del Ministero dell’istruzione dell' INVALSI e delle stesse istituzioni scolastiche”.
Si sterilizza l’autonomia scolastica che “si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione”
3. valutare i dirigenti scolastici:
Nella scuola la cultura dell’organizzazione è assente, ancorata al tradizionale, obsoleto modello lineare gerarchico: la legge, uniformandosi alla dottrina, ha riconosciuto la dimensione del problema educativo e ha ristrutturato il sistema decisionale. [CFR in rete “Quale formazione per il dirigente scolastico” e “Coraggio! Organizziamo le scuole”].
La valutazione della funzione dirigenziale, isolata dal sistema di regole in cui la scuola è immersa, è perdente
L’ambito in cui nasce il problema “Valorizzare la funzione del docente” è visibile in rete: “La professionalità dei docenti: un campo inesplorato”.
Enrico Maranzana

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…