Passa ai contenuti principali

Finale alternativo de "Il mastino dei Baskerville" - di Daniele Sammartino

Racconto il finale del romanzo "Il mastino dei Baskerville" dal punto di vista di Stapleton, immaginando che egli sia riuscito a fuggire dalla palude. 
Il mastino fallì. Il mio ingegnoso piano venne rovinato da un'insulsa coppia di investigatori londinesi.
Progettai  tutto nei minimi particolari, ma nessun dettaglio venne tralasciato da Holmes, e neanche da quel ficcanaso del suo amico Watson.
Mi costrinsero ad una fuga imprescindibile. Corsi nella buia brughiera in cerca di salvezza e con la convinzione di raggiungere la vicina palude di Grimpen. La paura stava prendendo il sopravvento su di me. Corsi all'impazzata, e ogni volta che la stanchezza mi attanagliava, pensavo alla forca, alla dolcezza della morte e alla corda ruvida che avrebbe potuto avvolgermi il collo. Ma la speranza è l'ultima a morire, ed è un grande alleato nelle situazioni complesse e apparentemente irrisolvibili. In circostanze come questa bisogna pensare, ma non troppo; infatti il pensiero può tradire e l'irrazionalità aiutare e viceversa. Ecco perché il Creatore ce li ha forniti entrambi, ma non amo parlar di Dio, dopotutto sono un peccatore, no?
Tutto era tenebroso e ostile e, passo dopo passo, il velo nebbioso mi avvolse. Era la serata perfetta per dileguarsi e almeno madre natura si schierò dalla mia parte, mostrandomi la sua immensa magnanimità. Stavo morendo di freddo, non ce la facevo più. Mi persi, ma non mi scoraggiai, anzi continuai a correre ininterrottamente verso la meta predisposta. Dovevo andare dritto, sempre dritto, sempre dritto.
Ero angosciato. Ero terribilmente solo in una brughiera surreale, tutta uguale. Capii come può sentirsi un disgraziato nel deserto del Sahara, in cerca di un'oasi che non sia un miraggio.
Tutto a un tratto, la palude era a un passo da me, ma mi assalì un dubbio. Forse quegli acquitrini mi avrebbero ucciso, mi avrebbero fatto assaporare una fine lenta e agonica. Non sapevo cosa fare, ma sicuramente quel vecchio segugio di Holmes mi era alle costole. Mi addentrai nella palude di Grimpen, spinto dallo spirito di sopravvivenza, che guida tutti gli uomini nei momenti difficili della loro vita. Conoscevo bene quegli acquitrini, ma quella sera, tutto sembrava diverso. Camminai alla cieca, fino a che uno dei miei piedi sprofondò in quella fottuta melma assassina. Persi una scarpa, ma riuscii a salvarmi, aggrappandomi a un arbusto sporgente. Alzai la testa, e vidi la Luna spuntare dietro le nubi. La nebbia si stava dissolvendo.
Continuai a camminare imperterrito. Riconobbi il percorso da me tracciato con dei paletti di legno. Lo utilizzavo spesso per entrare nella palude al fine di dar da mangiare al mastino.
Dopo ore di cammino, ero in salvo. Dovetti, però, abbandonar l'Inghilterra dato che era troppo pericoloso rimanerci. Così, m'imbarcai su una nave commerciale diretta in Sud America, precisamente in Brasile.
L'eredità della famiglia Baskerville mi sfuggì dalle mani, ma ormai è inutile piangere sul latte versato.
Tu, caro lettore, conosci la mia sciagurata storia. Non mi rimangono che una bottiglia di Whisky, una sedia e una corda, poiché la giustizia fa sempre il suo corso.

Stapleton




                  

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…