Passa ai contenuti principali

Napoli: salviamo i luoghi della cultura - di Gennaro Capodanno


La cultura è anche presidio di legalità. La cultura e la legalità sono due facce della stessa medaglia. Per questa ragione ho lanciato una petizione on line affinché, pure attraverso un'attività di partenariato con ditte del settore, la nuova gestione dei locali di FNAC nel quartiere collinare del capoluogo partenopeo, mantenga in vita, accanto agli spazi dedicati alla vendita di elettrodomestici e di prodotti di elettronica, anche quelli del reparto editoriale, con libri, CD e DVD, nonché lo spazio forum per incontri con artisti, concerti, presentazioni di libri e dibattiti.
Uno spazio che nel corso della sua esistenza si è caratterizzato anche per la capacità di diffondere nuove culture e di consentire la scoperta di nuovi talenti. In un quartiere, il Vomero, sovente alla ribalta delle cronache per il racket ed il riciclaggio, dove bisogna incrementare i luoghi di aggregazione sociale e culturale, specialmente per i giovani,  al fine di combattere  l’incremento esponenziale negli ultimi anni dei fenomeni delinquenziali, sia della marco che della microcriminalità con una presenza massiccia, nonostante il costante impegno delle forze dell’ordine, di furti e rapine anche ad opera delle famigerate baby gang.

Gennaro Capodanno
Promotore della petizione on line: “Salviamo il forum FNAC “
http://firmiamo.it/napoli--salviamo-il-forum-fnac

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…