Passa ai contenuti principali

Grazie Papa Francesco dalla scuola cattolica e dalle famiglie


“Esprimiamo gratitudine e vicinanza a Papa Francesco  ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Genitori Scuole Cattoliche, Roberto Gontero per quanto pronunciato stamane al termine dell’udienza generale in merito al ruolo imprescindibile della scuola cattolica nel compito educativo da essa svolto.
La scuola cattolica – ha sottolineato il Santo Padre – costituisce una realtà preziosa per l’intera società, soprattutto per il servizio educativo che svolge, in collaborazione con le famiglie. Ed è bene che sia riconosciuto il suo ruolo in modo appropriato’. Queste parole confortano la consapevolezza del compito della nostra Associazione, che ha come principale obiettivo quello di difendere la libertà di educazione e la realtà delle scuole paritarie in Italia. In particolare in questi giorni, che ci vedono impegnati a difendere le scuole dell’infanzia non statali bolognesi, nell’ambito del referendum che si terrà il 26 maggio”.

            “Per rinnovare lo spirito di servizio al Santo Padre – ha concluso Gontero –, AGESC sarà presente sabato pomeriggio in piazza San Pietro all’incontro con i movimenti  e le associazioni ecclesiali in occasione delle celebrazioni per l’Anno della fede. Siamo coscienti che il compito educativo, che innanzitutto come genitori ci vediamo affidato, debba trarre energia, per essere adeguatamente svolto, dal Magistero del Papa, che ci assicurerà il necessario sostegno per le sfide impegnative che ci attendono”. 

AGeSC – Associazione Genitori Scuole Cattoliche – Via Aurelia 796 – 00165 Roma
Tel. 06/83085331 – fax 06/83085333 – segreteria.nazionale@agesc.itwww.agesc.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.