Passa ai contenuti principali

A proposito del "bambino multiculturale e multietnico".... - di Cristina Rocchetto

Vorrei proporre in maniera schematica, e chi legge mi scuserà, alcuni punti sul tema della bi-nazionalità di cui vedo tanto parlare sul Web.
1) Un bimbo multietnico e multinazionale, un figlio di emigrati, si sentirà sempre diverso, indipendentemente da ciò che dice il suo documento.
La diversità è un'esperienza complessa: provate a vivere vent'anni in un Paese straniero, prima di pronunciarvi contro chi afferma di non sentirsi del tutto Italiano pur vivendo in Italia, chiedete ai figli degli emigrati italiani se si sentono davvero del tutto tedeschi, americani, belgi eccetera eccetera, prima di offendervi perché un bimbo nato in Italia, con passaporto italiano o meno, ricorderà sempre di avere radici anche altrove!

2) Persone che conoscano in sé l'esperienza della diversità sono un arricchimento per tutti, perché ci ricordano che il mondo è grande e che la gente, nel mondo, viaggia, si sposta, scappa, sceglie luoghi diversi. Un bimbo nero non si sentirà mai solo occidentale e farà sempre i conti con l'esistenza del suo colore; e così un bimbo cinese, un bimbo indiano eccetera eccetera... PRETENDERE che non si guardi allo specchio e non sappia di avere alle spalle una storia che lo collega ad altri luoghi geografici ed etnie, se non ad altre culture, è ridicolo. Per cortesia...

3) Quando sei figlio di stranieri, vivi spesso il confitto tra due culture sin dalla più tenera età, In alcune mie interviste svolte in Germania ho parlato ampiamente di questi temi direttamente con persone di 2° e 3° generazione. Ho inoltre, come madre italiana di un bimbo cresciuto inizialmente bilingue, DIFESO il mio/nostro sacrosanto diritto a crescere bilingui i nostri bambini.

4) Mio figlio è nato a Londra. I suoi genitori, cioè io ed il mio compagno, erano conviventi ed io da 6 mesi non ero oltre la soglia di reddito per pagare le tasse. Ha quindi acquisito la sola cittadinanza italiana. Io mi sono attenuta alla legge e non la ho commentata.

Comprendo che gli extracomunitari hanno problemi diversi. Ma credo che il discorso sia molto delicato e che affrontarlo in termini superficiali, propagandistici e strumentalizzati sia assolutamente nocivo per tutti. Altri Paesi hanno altre leggi Per le nostre, bisogna fare i conti con la sostenibilità di certe posizioni, prima di aver paura di essere tacciati di razzismo: che c'entra il razzismo?...

Cristina Rocchetto
(Vicepresidente e Responsabile sportello minori C.S.IN per il Friuli Venezia Giulia)

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…