Passa ai contenuti principali

Propongo Franco Marini come presidente della repubblica

Carissimi frequentatori di questo blog, sembra che davvero i politici non siano in grado di attuare quello che noi italiani abbiamo pure fatto capire in modo chiarissimo con il nostro voto, che cioè devono mettersi insieme per ovviare ai problemi delle persone, che vivono in una situazione sempre più difficile, anche a causa del peso eccessivo della pressione fiscale e della crisi di produzione del nostro paese, accentuata dallo stallo dovuto ai meschini interessi politici elettorali.
Almeno spero che si possa trovare un punto di riferimento delle istituzioni, come lo è stato Napolitano, garante delle maggioranze e delle opposizioni, in una parola garante della democrazia. A mio parere, questa persona potrebbe essere Franco Marini, che è stato sindacalista, Presidente del Senato e Ministro del Lavoro, anche se vedrei con grande favore altre persone, come Giuliano Amato, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Gianni Letta, Anna Maria Cancellieri, Paola Severino  e Marcello Pera. Mi sembra invece che altri nomi che circolano in questi giorni sono i nomi di persone che si sono caratterizzati per non essere stati sempre misurati, imparziali e discreti nei loro giudizi, e quindi come possiamo considerare Gino Strada, Emma Bonino, Romano Prodi, o addirittura Beppe Grillo, come garanti della nostra democrazia? Comunque intendo sollecitare la vostra opinione, facendo partire un sondaggio su questo importante argomento, cui potrete partecipare qui a sinistra, probabilmente, e giustamente come accade in democrazia, smentendomi e scegliendo proprio uno di quei nomi che io ritengo un po' troppo parziali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.