Passa ai contenuti principali

Mario Mauro ministro dell'istruzione? Magari! - di Luigi Gaudio

Iniziano a circolare sui soliti siti e giornali polemici voci preoccupate su un eventuale incarico a Mario Mauro come Ministro dell'Istruzione. Forse non tutti sanno che Mario Mauro è stato per anni professore di Filosofia nelle scuole superiori,
oltre ad essere, scusate questo appunto personale, mio compagno di università e amico: in una parola finalmente sarebbe ministro uno di noi, un insegnante, uno che non viene a mettere il becco nella scuola partendo da tutt'altro ambito, come Moratti, Fioroni o Gelmini. Neanche un professore universitario, come Berlinguer, De Mauro o Profumo, ma proprio uno di noi, un semplice docente di scuola, fino a quando non ha iniziato a fare il parlamentare europeo, tra l'altro non a caso vice-presidente dello stesso parlamento europeo, infine, uno dei dieci saggi nominati dal nostro amato Presidente Napolitano. Insomma, non un tecnico, ma un collega, non un uomo di partito, ma un uomo di scuola. Io dico solo "Magari andasse uno di noi a Viale Trastevere", ma vedrete che i politici  a caccia di poltrone, più navigati nei Palazzi Italiani del potere, si sostituiranno a lui, purtroppo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.