Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013

Geometria descrittiva dinamica: nascita di una ricerca - di Elio Fragassi

Ora che sono in pensione, e nel giardino dell’esistenza cominciano a fiorire le piante dei ricordi, mi piace ripercorrere alcuni tratti del tempo che mi è stato concesso di attraversare.
Per questo ho sintetizzato, in questo breve racconto dal titolo: “Geometria descrittiva dinamica: nascita di una ricerca” come, dove, quando e perché nacque questa ricerca che ha attraversato,  facendomi compagnia e dando sapore alla mia funzione docente, il tempo della mia attività didattica dal 1983 al 2010.

W il primo Maggio 2013 festa del lavoro e dei lavoratori - di Francesco Lena

W il primo Maggio, anche se in questo periodo la situazione economica e sociale, segna una crisi veramente preoccupante, aumentano sempre più i disoccupati, i precari, aziende che chiudono, e, ci sono persone che sono alla disperazione.

Lo Stato dei diritti - di Laura Alberico

Nuovo governo e nuove aspettative per guardare ad un futuro diverso e migliore per tutti. La compagine politica cercherà di coagularsi attorno alle proposte di legge più importanti per risollevare la situazione economica e sociale della nazione ma non sarà semplice anche se i ministri eletti sembrano mostrarsi comeun radicalecambiamento rispetto al passato.

On. ministro Maria Chiara Carrozza, non dimentichi d’essere donna di scienza - di Enrico Maranzana

La formazione scientifica del nuovo ministro dell’istruzione dovrebbe favorire la percezione e la rimozionedi uno dei “bug” che sbarra all’istituzione la via al successo: un lessico specifico disarmonico rispetto al sistema di regole in cui la scuola è immersa. L’indeterminatezza terminologica è l’infezione che ha snaturato, sterilizzandoli, i  decreti delegati del 74, la qualità, l’autonomia delle istituzioni scolastiche ….

L'Arte secondo Oscar Wilde - di Daniele Sammartino

Quale potrebbe essere la definizione della parola "arte"? Premetto che non amo dare le solite definizioni specifiche, scritte sui libri, non mi è mai piaciuto. Sono un ragazzo, un uomo, un'emozione. Ebbene sì, siamo un agglomerato di razionalità e di emozioni, che sono a loro volta tratti antitetici. La mia definizione di arte è questa: è quella disciplina che fa emozionare, indipendentemente da quale sia la sua natura.

La parità non può morire a causa del referendum giacobino di Bologna - di Nicolò Zanon

«È un caso di antipluralismo nell’educazione che trovo clamoroso». Nicolò Zanon, costituzionalista e membro del Csm, commenta con queste parole il referendum consultivo sul finanziamento delle scuole paritarie bolognesi, voluto dal «Comitato art. 33 - Difendiamo la Costituzione» contro la convenzione tra il Comune di Bologna e le scuole materne paritarie. 25 di queste su 27 sono cattoliche.

Mario Mauro ministro dell'istruzione? Magari! - di Luigi Gaudio

Iniziano a circolare sui soliti siti e giornali polemici voci preoccupate su un eventuale incarico a Mario Mauro come Ministro dell'Istruzione. Forse non tutti sanno che Mario Mauro è stato per anni professore di Filosofia nelle scuole superiori,

Il ruolo formativo dell'azione comunicativa del Dirigente Scolastico - di Giovanna D'Onghia

Il ruolo formativo dell'azione comunicativa del Dirigente Scolastico: Il dirigente scolastico è essenzialmente un formatore, in quanto non deve mai dimenticare di essere stato un insegnante. Solo se terrà fermo nella sua mente questo principio potrà dirsi veramente leader.

Presidi e Dirigenti - di Pietro Trematore

I concorsi come altri mezzi di selezione del personale hanno un grande limite , non riescono a misurare la sensibilità personale , la ricchezza umana e culturale , la reale predisposizione , l’empatia per un determinato lavoro e se questo  è vero in generale  lo è ancora di più per i concorsi riguardanti docenti e dirigenti  ; attività basate in via prioritaria sulla relazioni e sulla loro pluralità.

Quello che la memoria insegna - di Laura Alberico

“ La memoria è la continuità del tempo, permette alla conoscenza di proseguire”. ( D. Maraini )
Ci sono frasi che diventano importanti e significative se riescono a far riflettere, a stimolare il pensiero critico,  a comprendere e disegnare in un unico orizzonte il passato, il presente e il futuro.

Gertrude e la personalità autoritaria - di Daniele Sammartino

Tutti ricordano il personaggio di Gertrude, meglio conosciuto come la monaca di Monza. Sicuramente è uno dei personaggi più famosi e importanti del romanzo manzoniano dei "Promessi sposi". Essa ci viene presentata, inizialmente, dal barrocciaio e dal padre guardiano.Troviamo poi la descrizione effettuata dal narratore, che non solo ci delinea l'aspetto estetico di Gertrude ma anche la sua personalità e i suoi tratti psicologici.

I Saggi (non troppo) e la Scuola - di APEF

Analizzando il primo dei sei punti del documento predisposto dagli esperti del Presidente, in cui si tratta di istruzione, vediamo ribadito il vecchio obiettivo di Lisbona, per cui si riconosce finalmente lo stretto legame tra lo sviluppo economico e società della conoscenza e quindi
dell’aspetto istruzione in relazione alla qualità del capitale umano.

Festa della liberazione - di Francesco Lena

Il 25 Aprile 2013 bella festa della liberazione, della libertà e della democrazia. Grazie a tutti quei politici e cittadini, che l'hanno conquistata, grazie ai padri fondatori della nostra bellissima costituzione italiana. Grazie a quei padri che hanno fatto della bella politica, quella alta, quella che ha costruito le basi per un'Europa unita, che ci ha garantito 70 anni di pace.

L`operaio conosce 300 parole, il padrone 1000: per questo è lui il padrone

La mia lezione di stamattina in classe su Dario Fo


Libertà di educazione, è ora di farsi sentire

Intervista aSuor Anna Monia Alfieri - presidente Fidae Lombardia - di Daniele Ciacci13-04-2013 (fonte: La bussola quotidiana) A Bologna è stato indetto un referendum per tagliare i fondi destinati alle scuole paritarie, a Torino il Comune ritarda i pagamenti con mille espedienti.

Maturita’ e poi? Il camper di Italiaorienta arriva nelle scuole della Campania

Secondo i dati raccolti dalla Fondazione gli studenti campani continuano a preferire aree di studio sociale ma il mercato del lavoro cerca soprattutto chimici, esperti di green economy, infermieri. Contro il fallimento delle scelte post diploma, l’educational tour arriva in Campania

Cosa hanno prodotto i saggi sulla scuola? - di Luigi Gaudio

Finalmente sono state elencate le priorità che noi da anni stiamo ribadendo, e che rappresentano un terreno comune di confronto e di prospettiva sulla scuola. Riportiamo integralmente il punto 4.4 del documento dei saggi nominati da Napolitano, che parla di come potenziare l’istruzione e il capitale umano.

Referendum e libertà di scelta educativa - di Giancarlo Tettamanti

Il referendum contro le scuole paritarie dell’infanzia, promosso a Bologna, certamente si farà, e le persone tutte saranno chiamate a valutare il problema della libertà di scelta formativa garantita dalla Costituzione alle famiglie.

Propongo Franco Marini come presidente della repubblica

Carissimi frequentatori di questo blog, sembra che davvero i politici non siano in grado di attuare quello che noi italiani abbiamo pure fatto capire in modo chiarissimo con il nostro voto, che cioè devono mettersi insieme per ovviare ai problemi delle persone, che vivono in una situazione sempre più difficile, anche a causa del peso eccessivo della pressione fiscale e della crisi di produzione del nostro paese, accentuata dallo stallo dovuto ai meschini interessi politici elettorali.

Buste trasparenti - di Giorgio Ragusa

Cultura e società - di Laura Alberico

La cultura è l’insieme di tradizioni, usi costumi di un popolo. Le forme culturali sono molteplici, dalle arti figurative a quelle letterarie ecc. Le Corbusier, famoso architetto diceva che l’architettura è il modo di essere di un’epoca e su questo possiamo trovare ampie conferme nel “leggere” opere d’arte e trovarne una loro giusta collocazione in un periodo storico che le rappresenta.

L'esistenzialismo dello scrivere in musica - di Laura Alberico

Due cantautori, due vite, due storie. In una Italia frammentata e ancora senza governo le idee della musica sembrano raccogliere i frutti di una stagione anomala. Chi non ha mai cantato almeno una volta nella vita le canzoni di Jannacci e Califano? Origini diverse ma stesso desiderio di raccontare la storia della vita, nelle periferie delle grandi città dove le persone semplici sono malate di solitudine, noia e amore, sentimenti veri che parlano sulle righe di un pentagramma immaginario. Abbiamo imparato a capire il senso delle parole, graffiti dell'era moderna che sembrano pennellate di colore nel grigio della nebbia onnipresente, negli incontri di amori senza un domani, lettere e immagini di un tempo che vive dentro e fuori di noi e si rinnova sempre nella metamorfosi delle emozioni e dei sentimenti. Parole e musica che avvicinano due mondi diversi, interpreti della stessa realtà che li ha visti principi o califfi sul palcoscenico della notorietà, uomini cantastorie della vita …