Passa ai contenuti principali

Stili di apprendimento: avere o essere? - di Laura Alberico


 Esiste una cultura dell’avere e dell’essere, un modo di porsi di fronte alle informazioni ricevute, agli stimoli ambientali e alla costruzione delle proprie conoscenze. Gli alunni che tendono solo  ad immagazzinare nozioni e tecniche di studio sono orientati a raccogliere meccanicamente i contenuti disciplinari, a cristallizzare e a recuperare di volta in volta  ciò che la loro mente ha appreso.
Di solito questi alunni si mostrano disorientati di fronte alle novità che vengono veicolate con un tipo di apprendimento per scoperta, cioè quel tipo di percorso didattico mediante il quale  devono mettere in luce le proprie idee e prospettare consapevolmente delle soluzioni ( problem solving ). Diverso è il processo di apprendimento quando le informazioni vengono modellate sul proprio modo di essere, quando le domande su un argomento trattato aprono nuove “finestre” sul mondo e  gli interrogativi  coinvolgono il proprio vissuto personale. La creatività pone in essere un approccio dinamico verso lo studio, una elaborazione mentale che arricchisce la “forma mentis” e rende spendibile sul piano concreto le conoscenze acquisite. La nostra società, purtroppo, è sempre più orientata verso la cultura dell’avere e tende a uniformare ed omologare notizie ed informazioni come se fossero pezzi di un mosaico in cui l’omogeneità di pensiero diventa un meccanismo a volte obbligato dal quale  è difficile sottrarsi. La didattica deve avere come punti di riferimento la motivazione, l’informazione e la ricerca. La motivazione costituisce  senza dubbio un approccio significativo allo studio, essa rappresenta  un momento importante perché l’interesse, la disponibilità a interagire  pongono  le basi per un percorso educativo dinamico e produttivo. L’informazione è sempre necessaria, niente è scontato e tante sono le conoscenze in divenire, idee e  strutture mentali che devono essere gradualmente sistemate e organizzate. Nella ricerca si investono le personali risorse, si attiva il pensiero divergente e creativo, quel processo di riflessione e interiorizzazione che apre le porte a tante domande su come e perché nel corso del tempo le varie  teorie sono state formulate e consolidate.  Andrè Giordan esperto in formazione  così si esprime a proposito dei  metodi educativi: “ Io ho scelto un metodo a contropelo… Partire dalla mia ignoranza e dalle certezze degli alunni piuttosto che dalle mie certezze per proporle agli alunni ignoranti”.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…