Passa ai contenuti principali

Non è ancora primavera - di Laura Alberico


Aspettare il tempo migliore avvertendo ogni giorno che il sole e' ancora indeciso a mostrare la sua forza,coperto dalle nuvole che sembrano offuscare pensieri e realtà, sentimenti e convinzioni. Stagioni sempre più strane con piogge che non lasciano spazio al desiderio del calore  che riscalda l'anima e il corpo, entità purtroppo divise e in cerca di nuove sicurezze.
Non è ancora primavera, anticamera della vita che torna a farsi desiderare come un miraggio di antiche illusioni. Forse ci sono troppe parole che riempiono gli spazi vuoti, ancorate a messaggi inascoltati, parole spesso gravide di un peso che rende schiavi dell'apparente normalità, nell'attesa  di un treno che non passerà mai. Siamo diventati  dei viaggiatori  senza una meta,  viandanti dal ritmo biologico che non ha più riferimenti,  come le rondini rimaste ormai in poche a ritrovare la strada del ritorno. Viviamo nel tempo e lo consumiamo senza nutrirci, sazi dell'aria inquinata dalla fretta di arrivare per poi ripartire, senza sosta. Arriverà l'estate senza che la primavera abbia lasciato un segno, la traccia di un desiderio che restituisca la giovinezza senza appassirla così all'improvviso sul nascere. E l'inverno forse diventerà solo un ricordo mentre le nuove stagioni si piegheranno come giunchi sotto il vento di improvvise tempeste.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…