Passa ai contenuti principali

I segnali del tempo - di Laura Alberico


Leggere gli ultimi avvenimenti è come ripercorrere a ritroso la storia dell’uomo, spirito e materia, ideale e reale, il male e il bene che si uniscono e diventano il filtro di conoscenza e ragione, fantasia e concretezza di un mondo che nonostante tutto e senza avviso riesce ancora a sorprenderci. L’elezione del nuovo papa ha per incanto strappato il velo della nebbia che impedisce agli occhi, di credenti e laici, di  distinguere forme e contorni di persone e cose, la strada per camminare verso la giusta e necessaria direzione.
Quando tutto sembra perduto, inutile e forse impossibile, i segnali del tempo diventano simboli di cambiamento, una inversione di rotta che scuote le coscienze e invita tutti  a ritrovare il vero significato della vita e del suo divenire. Guardare in alto dove le comete asteroidi si avvicinano sempre di più alla terra e ci ricordano un cammino di scoperta e rivelazione, aspettare la fumata bianca che scioglie l’incertezza e il dubbio, tutto questo invita alla riflessione e alla introspezione, un percorso che pone al centro dell’interesse l’uomo e la sua capacità di tendere alla perfezione e alla conoscenza per diventare, nonostante tutto, migliore e unico pur nella diversità. Cogliere i segnali del tempo significa ricostruire la propria storia personale, ritrovare il valore dell’autenticità e delle cose semplici. Una testimonianza che è anche una sfida all’inaridimento dei sentimenti e al meccanicismo della vita quotidiana, quella vita che spesso diventa troppo fragile e che  viene travolta dall’indifferenza e dall’abbandono e sembra oggi risplendere soltanto di luce riflessa. Profezie e rivelazioni sembrano tradursi in un linguaggio nuovo, una primavera tardiva ma desiderata che riesce a rinnovare la vita interiore, quella dimensione trascurata e ignorata in cui i pensieri e le azioni, i sentimenti e la ragione ritrovano il  vigore necessario per  riconquistare finalmente  il loro posto, nella mente e nel cuore di ognuno.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…