Passa ai contenuti principali

La scuola ha una febbre da cavallo. Curiamola! - di Enrico Maranzana

Eugène N. Marais ha investito la sua vita nell’ osservazione delle formiche bianche. Sorprendente la sua sintesi: Il termitaio è l’essere vivente. Le termiti, raggruppate rispetto alla loro specializzazione, costituiscono gli organi dell’animale.
Una seconda, significativa informazione è presente nel resoconto della sua attività: l’intero formicaio scompare se la regina viene soppressa.
L’analogia col mondo scolastico è molto, molto stretta:
·        la scuola è un complesso unitario, finalizzato, che interagisce con l’ambiente in cui é  immerso, composto da parti sinergicamente collegate.
Si tratta della concezione veicolata dalla nomenclatura utilizzata dalla legge: non più “scuola” ma “SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE”.
·        il preside dirige e coordina le attività dell’istituzione: funzioni essenziali per la vita e l’efficacia del servizio scolastico. Le sue attribuzioni riguardano, primariamente, la stesura degli ordini del giorno degli organismi collegiali. In tal modo, vincolando la loro attività, li obbliga ad assumere le responsabilità previste dal mandato loro conferito.
Il dirigente scolastico indica COSA deve essere fatto e l’organismo collegiale elabora e indica COME conseguire il risultato. [CFR in rete “Coraggio! Organizziamo le scuole”].

In base a tali proposizioni è stato messo a punto un termometro, sotto forma di questionario, per rilevare lo stato di salute di una scuola.

La finalità del sistema scolastico è definita dall’art. 2 della legge 53/2003:E’ promosso l’apprendimento in tutto l’arco della vita e sono assicurate a tutti pari opportunità di raggiungere elevati livelli culturali e di sviluppare le capacità e le competenze, attraverso conoscenze e abilità, generali e specifiche, coerenti con le attitudini e le scelte personali, adeguate all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, anche con riguardo alle dimensioni locali, nazionale ed europea”.

1° questione
Il Pof esplicita, sotto forma di competenze generali, la finalità del sistema?
Si tratta del punto di convergenza di tutte le attività: attiene al nesso scuola-società.

2° questione
Il Pof mostra come le competenze generali siano state analizzate per identificarne le componenti?
Sono state enucleate le corrispondenti capacità per identificare l’architrave della “Programmazione dell’azione educativa”?

3° questione
Il Pof indica come si socializza l’esito del Feed-back, procedimento prescritto dai decreti delegati del 1974, pilastro portante la “Programmazione dell’azione educativa”?

4° questione
Il paragrafo valutazione del POF descrive le modalità d’accertamento delle capacità e delle competenze, le finalità del Sistema scolastico?

5° questione
Il Pof illustra come il Consiglio di istituto abbia elaborato “I criteri generali della programmazione educativa” per portare a unità tutti gli insegnamenti facendoli convergere verso traguardi comuni?

6° questione
Il Pof incasella l’insegnamento delle singole materie come fase finale della progressione Formazione-Educazione-Istruzione?

7° questione
Il Pof prevede una struttura organizzativa che comprenda un organismo che affianchi i docenti chiamati a nuove responsabilità: progettare “occasioni di apprendimento” per la promozione di competenze, generali e specifiche?  [CFR in rete: “La professionalità dei docenti: un campo inesplorato”]

8° questione
Il Pof descrive il sistema informativo della scuola che veicola messaggi atti a sincronizzare i processi scolastici?

9° questione
            Il Pof prevede un glossario che eviti ogni ambiguità comunicativa?         
Un repertorio che sgorghi dall’interno dell’istituzione, funzionale all’orientamento del sistema: il governo dei processi di apprendimento.
E’ stato evitato l’errore del Miur che acriticamente ha copiato le definizioni elaborate in sede europea senza tener conto che queste rispondevano all’esigenza della libera circolazione dei lavoratori e non della promozione di capacità e di competenze?  [CFR in rete “Competenze: poche idee ben confuse”]

10° questione
La progettazione, “sostanza dell’autonomia delle istituzioni scolastiche”, è il centro gravitazionale intorno a cui ruota il Pof?  [CFR in rete “Valutare la democraticità di una scuola”]

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…