Passa ai contenuti principali

Importanza dello studio delle lingue classiche - di Cristina Rocchetto

 Ultimamente è stato fatto notare su questo blog in alcuni post ed articoli (importanza dello studio delle lingue classiche; articolo di un giovane archeologo; articolo sugli studi ad orientamento umanistico) l'importanza di un certo tipo di formazione. Traggo spunto dalla loro lettura per questa riflessione volante.
In particolare, qui vorrei ampliare il ragionamento fatto in relazione all'importanza dello studio delle lingue classiche. Io sottolineerei quanto tale importanza risieda nel rafforzamento della padronanza della grammatica e dei meccanismi linguistici delle lingue moderne (italiana e non), in una non banale preparazione al ragionamento etimologico ed in un'abitudine mentale (impagabile) alla capacità di rendere il pensiero e le emozioni umane da una lingua ad un'altra.

Questa stessa abitudine acquisita con fatica grazie alle innumerevoli traduzioni/versioni, se presentata bene dagli insegnanti, può aiutare lo studente a comprendere il relativismo culturale in senso storico (diacronico), riflettendo e collegandolo con l'esperienza del relativismo culturale in senso sincronico, ovvero cosciente dell'esistenza  di altre visioni del mondo e dei valori esistenti in altri luoghi del mondo; consentendogli/le la formazione di una profonda flessibilità mentale aperta alla tolleranza.

Tale almeno la lezione degli Umanisti. Tutto dipende, ovviamente, dall'impostazione da cui partono gli insegnanti... Ma se il Liceo Classico dovesse essere presentato come luogo di studi privilegiati frequentato da una popolazione scolastica "d'élite", tutte queste potenzialità di dare un significato più ampio a questo tipo di formazione non sarebbero del tutto sfruttate... E mi spiace dover sottolineare che, in effetti, questo è ciò che sembra accadere nella stragrande maggioranza di casi.

Cristina Rocchetto

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.