Passa ai contenuti principali

Il senso del limite e della misura: dalla paura dell’invidia all’idea di un Ordine cosmico (2) - di Cristina Rocchetto

Seconda parte della serie dei tre articoli che dedico qui al "senso del limite" (=della misura) dei Greci.

L’uomo greco più arcaico è un uomo essenzialmente in pericolo: le sue divinità sono infatti “divinità invidiose”, pronte ad annullare colui che si distingue, che si fa notare; e queste divinità sono in fondo del tutto imprevedibili, soggette a sbalzi di umore, irascibilità e tutti gli altri difetti del carattere umano, di cui sono simbolo, origine e causa.
 L’uomo, d’altronde, è per sua natura (perché vuole affermarsi – difendendo il suo diritto alla sopravvivenza), portato alla “tracotanza”: egli pecca, cioè, di hýbris, che è essenzialmente un “uscire dal limite” a lui imposto, scatenando la reazione punitiva del divino. I Greci erano, in altre parole, profondamente superstiziosi: la troppa fortuna, la troppa bellezza, la troppo grande vittoria, a cui da un lato anelavano, poteva essere origine di disgrazia. Forse è anche per questo che non raffiguravano mai uomini veri nelle loro opere d’arte, ma solo dèi ed eroi, con quest’unica eccezione: gli atleti vincitori degli agòni sportivi.

Durante il periodo detto arcaico, piano piano, il mondo acquista un ordine interno e gli dèi, in questo universo più ordinato, sono sistemati in una specie di gerarchia del potere che vede al suo vertice Giove, ora immaginato come supremo garante della Giustizia. Da Omero, che neppure si piega a parlare dell’uomo comune, quindi, passiamo attraverso Esiodo, vissuto sicuramente un po’ dopo di lui, in un mondo diverso, con una visione del mondo in via di cambiamento.

In questo nuovo mondo regna il disordine: quindi Esiodo proietta il suo bisogno di ordine sul piano del divino e cerca di fare chiarezza. Per dirla in un linguaggio figurativo: vivendo nel “buio”, anche lui, a modo suo, sogna un mondo di “luce”. Lì vede, e dice di vedere, “ordine”: ogni cosa ha il suo posto ed il suo ruolo, la sua funzione e la sua ragione, anche il male, il dolore dell’uomo, che diventa la punizione divina per ristabilire Giustizia. La divinità di Esiodo non è più capricciosa, come quella di Omero: è “al di là” dell’umano. E ad Omero gli dèi servivano per dare ragione del comportamento dell’uomo, ora ad Esiodo servono per dare ragione del mondo… Ma l’uomo rimane sempre solo davanti allo specchio della sua presa di coscienza del peso della responsabilità …

Questa Giustizia sovrumana, che colpirà l’uomo che fallisce, ma che non lo orienta nella sua azione, è tutta tesa a garantire il “limite” e la“misura” delle cose, l’ “Ordine” (la parola greca kòsmos=”ordine”; da cui anche le nostre parole “cosmesi”, “cosmetica”…), Ordine posto addirittura al di sopra della volontà di Giove stesso e contrapposto alla parola “Chaos”.  Da come ho capito io, traducendo “modernamente” il concetto, e mi scuso infinitamente con gli specialisti, ma io mi devo far capire e devo capire, è un po’ come se l’Ordine fosse il potere legislativo e la Giustizia/Giove il suo potere esecutivo+giudiziario: l’Ordine del Mondo sta più in alto; la Giustizia/Giove ha solo il potere di farlo rispettare: altro non può. Quell’Ordine è anche il Fato, il destino delle cose del mondo: i Greci avevano una visione tendenzialmente deterministica della vita umana e la loro eredità si scontrerà in seguito con la necessità dei Cristiani cattolici di difendere il concetto di Libero Arbitrio (ne parlo già in parte negli articoli messi sulla pagina dedicata al Medioevo).

Ecco perché possiamo dire che il problema di Esiodo, nella “Teogonia”, è già collegato alle domande che si faranno i primi filosofi, (i filosofi della Natura): tale poema si occupa infatti di genealogie e legami di parentela tra gli dèi, cosa che non è altro che un primo tentativo di descrivere il mondo, dare “nomi”, seppure di divinità, alle cose.
Questi nomi nascondono spesso miti e richiami inattesi: un’amica interessata a questi argomenti da un punto di vista extra-accademico mi diceva che Hera (Giunone, la moglie di Giove) pare che in una lingua antichissima pre-greca significasse “vento”. Ora, se noi pensiamo che, tra le varie alternative assorbite dall’Oriente attraverso la Penisola Anatolica, i Greci stabilirono come “Elementi” della Natura quell’Acqua, Terra, Fuoco ed Aria ancora oggi alla base del pensiero astrologico, per secoli alla base del pensiero medico… Se Hera equivalesse a “Vento”… il “vento”, infine, è “aria”… Chissà… L’importanza ed il fascino di questi studi non è di poco valore per comprendere qualcosa di più delle civiltà apparentemente scomparse, in realtà ancora nascoste dietro alle cose che diamo oggi per scontate e crediamo siano solo nostre. Sarebbe quindi interessante, questo è il senso dell'aprire pagine Facebook dedicate alla diffusione culturale, ricevere commenti e segnalare studi che vanno al di là delle informazioni facilmente rintracciabili sui testi scolastici.

In Esiodo, il discorso sugli dèi quindi significa una prima sistematizzazione del mondo (ogni cosa: fonte, roccia, albero…  è collegata all’esistenza di una divinità con un mito che la caratterizza e ne “de-finisce” il raggio di azione). Con il secondo poema, Esiodo apre uno squarcio sul mondo degli uomini realmente esistenti, sul suo personale addirittura. Saranno poi la Filosofia e la tragedia gli strumenti privilegiati con i quali i Greci affronteranno, indagheranno, elaboreranno il problema dell’esistenza dell’uomo. Ma prima di loro, i filosofi presocratici detti i “Fisici” (i filosofi della Natura, “phýsis” in Greco) si occuperanno del mondo naturale per l’appunto, mantenendo la stessa struttura del ragionamento di Esiodo della Teogonia, escludendo però dal discorso gli dèi e chiamando le cose con nomi “demitizzati”.

La prima forma di Filosofia fu ricerca della causa “fisica”, appunto “naturale”, del mondo, ossia del suo “principio”.  Per semplificare, bisogna pensare più o meno così: al di là di ciò che è “de-finito”, che esiste e che noi vediamo, che nasce, cresce e muore (nel caso di ciò che è animato), o si deteriora comunque (nel caso delle cose inanimate), ci deve essere qualcosa (pensavano) che persiste, che è stabile, che rimane immutabile ed immoto, il Principio, la Causa di tutto…. Come da una montagna di argilla informe, da questa “Causa prima” (arché – ciò che viene prima prima… da cui, per esempio, le nostre parole “archetipo” o “archeologia”, per esempio) provengono e ritornano le cose, distinguendosi le une dalle altre, e “pagando le une alle altre il prezzo della loro esistenza” (la punizione della “colpa” di essersi “distinte”, di essere “emerse”, “de-finite”, non viene più pagata quindi agli dèi, ma ad un principio di Giustizia che riequilibra l’Ordine facendo in modo che ogni cosa sia prima o poi sopraffatta da un’altra, che l’annulla). E proprio così che infatti risuonano le parole di uno di questi affascinanti filosofi presocratici che tanto amavano parlare per aforismi: Anassimandro, filosofo di Mileto, nella Ionia del VI° sec. a.C. (regione della penisola anatolica colonizzata attorno all’VIII°sec. a.C dai Greci). Lui disse: «Tutti gli esseri devono, secondo l'ordine del tempo, pagare gli uni agli altri il fio della loro ingiustizia» (fr. 1, Diels).

Per i Presocratici, che nominerò altre volte, lascio qui per il momento uno dei tanti link ad un “intertesto” che li nomina tutti brevemente e sinteticamente (http://www.riflessioni.it/enciclopedia/presocratici.htm). Chi legge può anche fare ricerche autonome sia su YouTube (cercare “Presocratici” o anche i loro nomi singolarmente: qualcosa esce fuori); ma anche su Google. La ragione per cui io non metto qui filmati di lezioni è che non ne ho ancora visionato personalmente nessuno adatto al livello che vorrei mantenere io: non banale (spero), ma neppure troppo specialistico e scoraggiante per chi non è del "campo". La prof.ssa Manuella Racci (anche su YouTube), che trovo coinvolgente ed entusiasmante da ascoltare, non mi sembra ne abbia messo in rete alcuno riguardante costoro. Aggiungerò materiale via via nella mia pagina FB. 
Il discorso sul "limite" sarà "concluso" con il prossimo articolo.

Cristina Rocchetto

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…