Passa ai contenuti principali

Il cupio dissolvi da campagna elettorale - di Paola Tonna (APEF)


Ha veramente dell'incredibile quanto sta succedendo in questi giorni, attivato dalla solita isteria da campagna elettorale, il cui risultato, illustrato nel titolo, avrà l'unico effetto di azzerare alcuni, non esaurienti ma significativi, passi che sono stati fatti nell'attesa che un nuovo salvifico governo possa rimettere mano su tutto...

La piazza studentesca si sta agitando per bloccare il dlgs 68 del 29 marzo 2012 sulla 'Revisione della normativa in materia di diritto allo studio', che è all'esame della conferenza Stato-Regioni. Il testo, come confermato dal Ministro Profumo, rivedendo i requisiti di merito e nuove soglie di reddito, diversificandole in base al diverso costo della vita, ha lo scopo di consentire ad aumentare il numero complessivo delle borse universitarie del 20% (passando da 114mila ad un totale di circa 140mila studenti a cui potrà essere attribuita una borsa di studio) e anche il loro importo annuale (da 4.900 euro a 5.500 euro).
Obiettivi più che condivisibili eppure... la storia si ripete: la pulsione all'autodistruzione, sport nazionale, e la cultura delle fazioni contrapposte, puntualmente in fine legislatura impedisce al governo in carica, pur di non averne il minimo vantaggio, di approvare alcunchè. E tanto più è innovativo e migliorativo, peggio è. Il vantaggio per l'"avversario" politico sarebbe intollerabile.
Questa incredibile situazione è stata anche denunciata dal presidente del Consiglio nazionale degli studenti universitari, il Cnsu, il massimo organo istituzionale di rappresentanza studentesca, in una lettera pubblica dove ha stigmatizzato il fatto che il Cnsu non ha potuto esprimere il proprio parere obbligatorio, in quanto alcuni gruppi hanno boicottato il funzionamento dell’organo, impedendo il raggiungimento del numero legale. Con l'incredibile risultato che si è impedito all'organo universitario nazionale di rappresentanza studentesca non solo di avanzare proposte migliorative al testo ma, fatto ancor più grave, anche di concorrere ad impedire l’attuazione della riforma del diritto allo studio.
La domanda più che lecita è: come mai i rappresentanti degli studenti sono pronti a boicottare il luogo democratico di rappresentanza studentesca, a scapito del più elementare principio di democrazia, per ottenere un pò di visibilità?
Stesso atteggiamento si era riscontrato in autunno quando per affossare la legge di riforma bipartisan sugli Organi collegiali della Scuola, si è fatto credere agli studenti la balla che sarebbero stati privati della loro consueta assemblea mensile, ottenendo Il risultato che gli studenti hanno riempito le piazze praticamente dall'inizio dell'anno scolastico, per riconquistare spazi di democrazia perduti.
Adesso, invece, si rinuncia volontariamente proprio allo spazio di democrazia rappresentativa.
C'è un evidente difetto di logica in tutto ciò.. . ma, purtroppo, gli sconfitti saranno sempre i soliti.
Paola Tonna
presidente APEF
Roma 7 febbraio 2013

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…