Passa ai contenuti principali

Concorso DS Lombardia: cui prodest? – di Luigi Gaudio


 Tutto quello che sta avvenendo, o meglio, che non sta avvenendo, per il Concorso per Dirigenti Scolastici in Lombardia, a chi giova? A chi ha fatto ricorso? A chi ha superato tutte le prove concorsuali?
Fare una serie di domande, senza indicare una risposta, forse può servire certe celluline grigie a liberarsi da un limitato circolo vizioso cui le hanno costrette i legittimi proprietari da un po’ di mesi.
Ad esempio potremmo chiederci, quando il bene comune è minato, qual è il ruolo della politica, intesa nel senso originario del termine, cioè cosa deve fare chi ha in mano le redini della polis? Quando c’è una falla in una nave, di chi è la colpa: di chi l’ha fatta notare, di chi ha costruito la nave, o di chi la governa?
A prescindere dall’esito dell’udienza del 22 marzo presso il Consiglio di Stato (ammesso e non concesso che tale udienza sia risolutiva, come ci ha abituato a dubitare quanto avvenuto finora) a cosa è servito indirizzare l’odio di tutti contro chi ha esercitato un proprio diritto sancito dalla legge? Cito a questo proposito l’articolo 21 del Bando di concorso, Decreto del Direttore Generale del 13 luglio 2011: “Avverso i provvedimenti relativi alla presente procedura concorsuale è ammesso, per i soli vizi di legittimità, […] ricorso giurisdizionale al T.A.R., entro 60 giorni, dalla data di pubblicazione all’albo o di notifica all’interessato.”
È stato utile giustificare la propria inazione confidando genericamente in una sentenza favorevole o scatenando una guerra tra poveri?
Meditate, gente, meditate.

Commenti

  1. Ma qual è il problema dei ricorrenti come il professor Gaudio?
    Sinceramente non comprendo... Il citato articolo di bando prevede la possibilità del ricorso al TAR. Il professor Gaudio ha fatto ricorso al TAR chiedendo l'annullamento. Ergo: ipotesi 1: si annulla e si si deve rifare tutto; ipotesi 2: non si annulla e i ricorrenti sono esclusi. Comunque i ricorrenti non hanno possibilità di riammissione, giudizialmente parlando. Per quanto concerne me (idonea): ipotesi 1: annullano e procederò come consentito dalla legge; ipotesi 2: avrò ciò che ho meritato con diritto.
    In ogni caso chi ricorre al TAR chiedendo l'annullamento della procedura concorsuale che altri diritti vuole/può vantare? Mi sembra illogico, totalmente. La politica non ha nulla a che a che fare con il ricorso amministrativo. Non mescoliamo le carte e lasciamo che non si confondano i piani!!! Mi pare troppo desiderare l'uovo e la gallina professor Gaudio!
    Cordialmente prof.ssa Amanda Ferrario

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…