Passa ai contenuti principali

Quando “insegnamento” diventa educare all’amore ed al rispetto per la vita - di Cristina Rocchetto


Ho scritto altre volte articoli segnalando iniziative culturali importanti a chi sente il bisogno dentro di sé di approfondire o anche cominciare ad avvicinarsi, e non importa l’età, al patrimonio della cultura occidentale per essere toccato dalla sua vera ricchezza. Un sapere meramente nozionistico, ho scritto altrove, non raggiunge e non tocca quel non-so-che che abbiamo dentro noi e che, non sfiorato, ci lascia comunque nella strana sensazione di “essere soli in mezzo alla folla”.
Purtroppo, molta della nostra scuola è così, e molti di noi o dei nostri ragazzi ne sono usciti o ne escono senza aver scoperto che esistono umani, sono esistiti umani, capaci di parlarci di noi senza conoscerci, parlando apparentemente di “altro”.
In un mio articolo pubblicato ormai un anno e mezzo fa feci il nome ed intervistai una voce che anche dal Web riesce a dare suono e ritmo soave alle parole dei Classici antichi. Parlo della prof.ssa Monica Mainardi, in arte Mainikka, da anni impegnata nella lettura espressiva di testi letterari soprattutto (ma non solo) latini, facilmente rintracciabile sul Web o direttamente in YouTube.
Oggi vorrei fare il nome di un’altra insegnante, anche lei formata sulle letteratura e la filosofia classica (ma non solo), che, grazie all’iniziativa di un collaboratore, Gianni Giancarlo Giunchi, ha cominciato negli ultimi anni a tenere lezioni (talvolta anche organizzate nel parco della sua città) aperte ad un pubblico eterogeneo ed aventi come oggetto la discussione sulla visione del mondo di maestri di filosofia e di letteratura di diverse epoche. Si tratta della prof.ssa Manuela Racci di Forlì.
Io, che amo scrivere, mi trovo in imbarazzo a trovare parole per introdurre le sue parole senza ripeterle o ripetermi. Può darsi che su questi cicli di lezioni io scriva di nuovo e di più. Per questa volta, mi permetto la presentazione più breve da me scritta finora, per lasciare la parola a chi sta portando avanti un modo, un sogno di insegnamento che è la lezione più bella che, attraversando tutti i secoli della nostra cultura e passando attraverso i grandi nomi che l’hanno informata di sé e segnata, ci trasportano indietro, sino a Platone e Socrate, e più ancora, ad Eraclito, e Pitagora, e più indietro ancora.
Lascio quindi la parola a lei, chiedendovi di entrare poi nella pagina dell’elenco dei video caricati dal collaboratore della prof.ssa Racci sopra nominato, cercando quelli il cui oggetto vi può stimolare di più per continuare ad ascoltarla e farvi “in-formare”, o mettendovi in contatto direttamente con loro anche attraverso il sito di lei per richiedere informazioni ulteriori.
Tra i settanta video finora caricati su YouTube, ho scelto questo, che tanto dice sulla bellezza dell’insegnamento, inteso come trasmissione di “amore del sapere”… “filosofia”…
Cristina Rocchetto

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.