Passa ai contenuti principali

Teresa Mannino “prof” d’eccezione a Lecce sale (letteralmente) in cattedra al Galilei Costa

Teresa Mannino questa mattina ha incontrato gli studenti nella prestigiosa Sala Dante 
L’artista comica siciliana sceglie la scuola più premiata d’Italia
per festeggiare il suo compleanno con tante risate e un coro di “Tanti auguri”
Lecce – Si sentiva nell’aria già dalla prima ora, tutti gli studenti dell’Istituto “Galilei Costa” percepivano nelle aule e nei corridoi che qualcosa stava per accadere, i docenti facevano gli gnorri e la domanda che circolava ovunque era “cosa sta per succedere?”. Ed è successo. Alle 11.45 tutti gli studenti della scuola sono stati invitati, senza alcuna spiegazione, a recarsi nella prestigiosa Sala Dante, l’aula magna della scuola, e dopo appena quindici minuti è entrata lei, l’inaspettata, l’amata, la mitica …Teresa Mannino.

Gli studenti non riuscivano a credere ai propri occhi ma hanno dovuto credere alle proprie orecchie quando, con quella tipica cadenza siciliana, hanno sentito uscire dagli altoparlanti l’inconfondibile voce dell’artista comica di “Zelig”, “Zelig Off”, “Se stasera sono qui”, “Isole incomprese” e tante altre trasmissioni e film. Lei era lì, con loro.

Ha trascorso quasi un’ora e mezza insieme agli alunni, ai docenti e alla dirigente, Addolorata Mazzotta, della scuola salentina, tra battute esilaranti, commenti spiritosi e aneddoti sulla propria esperienza scolastica, e rispondendo alle infinite domande dei ragazzi con tanta sana comicità improvvisata come solo la Mannino sa fare. Le hanno chiesto di tutto, dalla vita professionale e artistica a quella privata: “da laureata in filosofia, quando hai capito di essere una comica?”, “è reale l’amicizia tra colleghi che dimostrate sul palco di Zelig?”, “con tutti questi spettacoli in giro per l’Italia come riesci a gestire il rapporto con tua figlia?”, “che rapporto avevi a scuola con i prof?” e l’immancabile …”come è Raoul Bova da vicino?”.

Ad un certo punto è venuto poi fuori che proprio oggi Teresa Mannino compie gli anni, anche se qualcuno tra i docenti organizzatori dell’evento ne era già a conoscenza e infatti, magicamente, in quell’istante è spuntato un bellissimo mazzo di fiori che due alunne hanno regalato all’artista e il cui gesto ha dato il “la” per intonare un accorato e corale “Tanti Auguri”. Al termine dell’incontro l’artista è stata generosissima e tanto paziente nel firmare una quantità impressionante di autografi, quasi a tutti gli studenti presenti in aula, e nel fare centinaia di foto che, c’è da scommetterci, sono già on line a tonnellate sui vari profili di Facebook. Forse per una buona ora Teresa è tornata indietro nel tempo e si è sentita di nuovo una studentessa tra compagne e compagni.

«E’ la prima volta che vengo in una scuola superiore per incontrare degli studenti – ha riferito l’artista – e sono felicissima che sia accaduto in un Istituto importante, storico e prestigioso. Devo dire che è simile al Liceo Classico che ho frequentato io. Per un attimo mi è venuto il nodo in gola e temevo che mi sarebbe sfuggita qualche lacrima per l’emozione, ma ho retto bene. E’ stata un’esperienza bellissima, all’inizio i ragazzi erano un po’ timidi, poi si sono scaldati e mi hanno tartassata di domande. Decisamente emozionante è stato il momento in cui hanno scoperto che oggi compio gli anni e mi hanno cantato in diretta e in coro “Tanti Auguri cara Teresa”, ricorderò questo compleanno per tutta la vita. …e sono persino sopravvissuta all’invasione finale con la richiesta di centinaia di autografi e foto.»



L’invito odierno di Teresa Mannino al “Galilei Costa” rientra fra le attività che la scuola salentina programma per far sempre più sentire ai propri studenti quanto è importante che la formazione “scolastica” interagisca con ciò che accade nel mondo esterno e non resti chiusa in se stessa. Questo atteggiamento dell’Istituto riteniamo che sia ormai da tempo conosciuto e ampiamente provato, progetti come “Dieta Med-Italiana”, “GPace” e “Repubblica Salentina” la dicono lunga.

Foto in alta risoluzione a richiesta.

Qui il video sulla pagina FB di Teresa Mannino: www.facebook.com/photo.php?v=10151267189304511

Grazie per l’attenzione e per la gentile pubblicazione.


Istituto di Istruzione Secondaria Superiore
"Galilei - Costa"
Guardiamo lontano, …dal lontano 1885
Tel. 0832.306014 - Fax: 0832.303935

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…