Passa ai contenuti principali

Lettera aperta al nuovo direttore generale dell' USR Lombardia dott. Francesco De Sanctis relativamente al concorso per DS - di Carlo Soldano

In un'intervista sulla stampa risulta che Lei ha dichiarato relativamente al concorso per DS: «Aspettiamo di vedere cosa deciderà il Consiglio di Stato il 20 novembre. Rispetteremo la decisione dei magistrati. Poi decideremo il da farsi. E’ una situazione che si è creata per una serie di problemi ma che cercheremo di risolvere. I nuovi dirigenti scolastici sono fondamentali per rimettere in equilibrio il sistema. Un preside non dovrebbe ritrovarsi a dirigere due o tre scuole».
Vorrei permettermi di suggerirLe, oltre al doveroso rispetto della decisione dei magistrati, di condurre una accurata indagine interna per individuare i responsabili di questa situazione per fare in modo che siano messi in condizione di non produrre ulteriori danni.
Sommariamente, in ordine sparso, i danni finora subiti dalla società lombarda sono:
la gestione precaria delle scuole lombarde tra il momento della prima sentenza che evidenziava la illegittimità nella gestione del concorso (non la sola trasparenza, come ben precisato dal TAR) ed il momento della sentenza definitiva;
il messaggio "educativo" più volte inviato anche da alti livelli, mentre si investe in progetti legalità, che se l'applicazione della legge dà risultati che non piacciono allora occorre cambiare la legge;
un uso quantomeno scorretto dello strumento concorso, che non ha permesso l'individuazione dei migliori tra coloro che aspiravano a svolgere il ruolo di DS;
uno sciupio di denaro pubblico.

Inoltre, la situazione che si è creata ha ridotto la serenità di rapporto tra alcuni degli operatori della formazione, e i docenti che chiedevano il rispetto della legalità si sono sentiti diffamati, in quanto individuati come persone che attaccandosi al formalismo volevano ottenere qualcosa che non spettava loro.

Auspico che in qualità di nuovo direttore generale, cui auguro buon lavoro, sappia ripristinare la legalità e la serenità, senza caccia alle streghe, ma senza sconti, consapevole degli enormi danni subiti dalla scuola lombarda, dai ricorrenti e da coloro che correttamente hanno affrontato le prove concorsuali e pensavano di averle superate.

Auguro infine al direttore di essere in grado, senza decisioni affrettate, di sbrogliare una matassa giuridica che temo durerà del tempo anche dopo la sentenza del Consiglio di Stato.

Buon lavoro!

Carlo Soldano

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…