Passa ai contenuti principali

Insegnanti ... per non morire più di luoghi comuni - APEF


Qualcuno di noi pensava che la sortita delle 24 ore del Ministro Profumo, appena rientrata, sarebbe prima o poi riuscita fuori, stante i luoghi comuni radicatissimi sugli insegnanti. Magari il prossimo anno.
Francamente però non ci aspettavamo tanta tempestività da parte del governo, oltretutto in evidente spregio al lavoro del Parlamento che ha unanimemente cassato l’aumento dell’orario di lezione frontale degli insegnanti nel Ddl di Stabilità.

Occorre però una riflessione sulle priorità da opporre per scardinare questi luoghi comuni che altrimenti si ripresenteranno periodicamente, puntuali come le tasse.
Il Professor Monti, infatti, si è esibito in tv in una disinvolta diagnosi dedicata ai malanni e alle storture dell’Istruzione in Italia. "In alcune sfere del personale della scuola c'è grande conservatorismo” ha affermato. Chi mai potrebbe negare una affermazione tanto ovvia quanto generica? Magari estendendola anche fuori dai recinti dell’Istruzione, naturalmente.
Poi, forse per uscire da questa nebulosa genericità, ha proseguito lanciandosi in una esemplificazione un po’
spericolata e non consueta per il personaggio: “tale conservatorismo “- ha proseguito - si è rivelato al mondo
quando gli insegnanti hanno mostrato “indisponibilità a fare anche due ore in più alla settimana, che
avrebbero permesso di aumentare la produttività”. A parità di stipendio naturalmente.
Ha esplicitato, unendo considerazioni da imprenditore “manchesteriano” del primo capitalismo ad una
esercitazione elementare di contabilità spicciola - se per la stessa cifra il salariato rimane sul tornio due ore
in più alla settimana, la produttività di quel lavoratore aumenta. Alleluja! - un pensiero condiviso da molti: gli
insegnanti - quelli italiani - lavorano poco. Sono quindi dei privilegiati. Anzi sono i più privilegiati tra i pubblici
dipendenti. Coerentemente solo a loro il governo aveva chiesto di lavorare di più a parità di stipendio.
La improvvida e singolarmente non corretta affermazione del Presidente - le ore di lezione frontale
aggiuntive e gratuite richieste agli insegnanti erano 6 alla settimana e non 2 - può essere figlia di un
momentaneo abbassamento dei freni inibitori, di una “voce dal sen fuggita” in uno studio televisivo, oppure
dalla stanchezza provocata dall’attivismo che l’alto incarico esige…
Certamente l’intimo pensiero del Presidente Monti è uno dei tanti risvolti amari del sindacalismo
scolastico italiano di stampo operaio ed impiegatizio, il più potente d'Europa, che ha trasformato ad hoc
l’antico slogan per cui ’l’unione fa la forza” in un contratto unico che vede assemblati insieme insegnanti,
personale di segreteria, bidelli etc. Tutti “operatori scolastici” quindi: todos caballeros in una non veritiera
sorta di egualitarismo ideologico delle funzioni.
Nella scuola conseguentemente non ci sono che "operai non specializzati" (unskilled per il professor
Monti): per tutti la produttività si misura, all’ingrosso, nelle ore passate in torneria, a fare buchi nel metallo.
I nostri “buchi” al tornio? Le lezioni frontali naturalmente. Troppo pochi quei “buchi”, evidentemente, per i
professori del governo.
Ma se si accetta tale logica la conclusione è inevitabile: o si fanno più ore frontali - i bidelli ne fanno
già "troppe" - o si e' più presenti a scuola, magari a imitazione dell’orario impiegatizio. Molti insegnanti si
dicono d’accordo su tale seconda ipotesi: meglio passare 30-36 ore a scuola-tutto compreso - piuttosto
che... passare per lavativi agli occhi dei benpensanti.
L’alternativa a questo sentire collettivo, che come uno schiacciassasi stritola la “professione docente”, è una
sola: la serena accettazione che, anche a scuola, non siamo tutti, necessariamente, “eguali”. Che la
specializzazione, la professionalità, la necessità di una carriera e il merito, in definitiva non sono una mera
rivendicazione ideologica ma una semplice constatazione, serena, quasi ovvia: la differenza tra una
dimensione “professionale”, con annessa formazione di tipo superiore, laurea, abilitazione, specializzazione e
formazione continua e una dimensione impiegatizia. Con tutti gli oneri e onori connessi.
Con ciò qualcuno sul campo, potrebbe guadagnarsi, continuando nel paragone precedente, gli ambiti
galloni di "operaio specializzato" che oltre a fare buchi, sa anche assemblare ad arte i pezzi di un puzzle
complesso, quello della conoscenza.
Da ciò stipendi e orari diversi e contrattualmente separati da quelli di bidelli, amministrativi etc. Perchè,
pacatamente, facciamo un altro mestiere. E, spesso, lo facciamo bene!
Un ultima considerazione: perché i presidi hanno un contratto separato pur potendo rientrare nell’abusato
schema degli “operatori scolastici” sostenuto da sindacati &C? Semplicemente perché svolgono una attività
diversa da quella della "manovalanza" fatta da bidelli e insegnanti.
E questa diversita e' stata riconosciuta contrattualmente.
Con buona pace dell’”unione fa la forza” e di simili, superate amenità.
Roma, 27 novembre 2012 APEF

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…