Passa ai contenuti principali

Carabinieri, i vincitori di concorso restano a casa



Hanno vinto un concorso pubblico, ma sono stati tagliati fuori dalla graduatoria degli ammessi. Per ora solo 375 su 1886 entrano in servizio effettivo. Effetto spending review anche per 1500 poliziotti precari. I “beffati” si uniscono” per una class action
La spending review del governo Monti miete altre "vittime". Questa volta a farne le spese sono circa 1500 carabinieri che dopo aver vinto un regolare concorso pubblico, vedono il loro sogno infranto a causa dei tagli esercitati dall'organo esecutivo del Parlamento.
Il provvedimento colpisce anche 1500 poliziotti della cosiddetta seconda aliquota in attesa, da anni, di una stabilizzazione, ma che visti i presupposti si allontana ulteriormente.
Per queste ragioni, gli aspiranti carabinieri e i poliziotti precari, hanno deciso di unire le forze per preparare una class action, sintomo del malessere sempre più diffuso nel Paese per via di una crisi che colpisce tutti indistintamente.
Il "Corriere dell'Università Job" ha raccolto le testimonianze di alcuni protagonisti della faccenda e intervistato uno degli avvocati che sta avviando un'azione legale collettiva: "Violato il principio dell'affidamento - spiegano dal collegio difensivo - la legge non sta tenendo conto del fatto che i vincitori di concorso hanno diritto a veder applicare le condizioni fissate dal bando".
Le speranze dunque compattano gli aspiranti servitori dello Stato contro una legge che discrimina le loro legittime aspirazioni. Il numero di novembre del mensile, diretto da Mariano Berriola, sarà in tutte le edicole di Napoli, Roma e Milano a partire da martedì 13 novembre.


Per maggiori informazioni:
“Corriere dell’Università Job”
Redazione Roma
00186 - Piazza dell'Enciclopedia Italiana, 50
tel. 06.98181406

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.