Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2012

Tutti contro noi insegnanti, disconosciuti minatori - di Elio Fragassi

Dopo quaranta anni di servizio l’abito d’insegnante ti si stampa addosso. Per questo motivo leggendo alcuni contributi dei media ho appreso dell’intervento del prof. Monti alla trasmissione di Fazio su Rai 3 e, nonostante sia in pensione da un paio d’anni mi sono sentito offeso e umiliato dall’intervento del premier, giacchè in quaranta anni di servizio non mi sono mai accorto di essere parte di quei “privilegiati” della corporazione degli insegnanti. Infatti, nel 2004 quando dovetti stampare i volumi di una ricerca perchè gli studenti ne avevano bisogno per uno studio domestico, dovetti affrontare la spesa di tasca mia perché nessuno della “corporazione” mi ha finanziato il lavoro portato avanti negli anni (e completamente a spese mie) con gli studenti per adeguare la didattica “ad un mondo più moderno”.

Voler bene all'Italia, voler bene al proprio paese - di Francesco Lena

Voler bene all'Italia, vuol dire dare un posto di lavoro a tutti i cittadini. Lavoro :tutti icomuni mettere in atto piccoli e grandi lavori di manutenzione, le aziende investire qui in Italia, le regioni elaborare progetti per favorire lo sviluppo economico, il governo fare progetti in tutti i settori per favorire l'occupazione.

Senza scuola non c'è futuro, senza insegnanti non c'è scuola - DIESSE

1. Il fuoco di fila che si è concentrato sulla scuola, a causa della perversa convergenza di legge di stabilità e spending review, obbliga non solo a stringere ancora la cinghia, ma anche ad un confronto serrato con il governo per riaffermare il ruolo decisivo della scuola nello sviluppo del
Paese e quindi difendere l’identità dell’insegnante come fattore di crescita per l’intera comunità.

Insegnanti ... per non morire più di luoghi comuni - APEF

Qualcuno di noi pensava che la sortita delle 24 ore del Ministro Profumo, appena rientrata, sarebbe prima o poi riuscita fuori, stante i luoghi comuni radicatissimi sugli insegnanti. Magari il prossimo anno.
Francamente però non ci aspettavamo tanta tempestività da parte del governo, oltretutto in evidente spregio al lavoro del Parlamento che ha unanimemente cassato l’aumento dell’orario di lezione frontale degli insegnanti nel Ddl di Stabilità.

Guerra aperta alla scuola - di Pietro Trematore

Le Recenti dichiarazioni di Monti alla trasmissione “Che tempo che fa”  hanno ufficializzato l’attacco alla Scuola Pubblica e ai Docenti  da parte del Governo .
Affermazioni tra l’altro sbagliate (le ore erano 6 e non 2)  superficiali  e demagogiche  che continuano a denigrare e sminuire il lavoro  dei docenti  alimentando un clima di sfiducia e di negatività da parte dell’opinione pubblica verso gli insegnanti;

Concorso Dirigenti Lombardia decisione rinviata al 15 gennaio

Il Consiglio di Stato  ha rinviato tutto a una nuova udienza che ci sarà il 15 gennaio 2013, e ha nominato un perito del tribunale che valuterà se le buste erano trasparenti.
Leggi il testo della sentenza in pdf

La stampa ignora le assemblee sindacali della scuola - di Pietro Trematore

Il giorno 13  di Novembre  le scuole dell’Italia intera si sono fermate dalle 10,30 alle 13,30 per lo svolgimento di assemblee sindacali  svolte contemporaneamente in tutti gli Istituti Scolastici . Come sicuramente molti di voi avranno notato nessun organo di stampa e di televisione ha minimamente accennato all’ evento neanche il giorno successivo e tanto meno i giorni seguenti.

Teresa Mannino “prof” d’eccezione a Lecce sale (letteralmente) in cattedra al Galilei Costa

Teresa Mannino questa mattina ha incontrato gli studenti nella prestigiosa Sala Dante  L’artista comica siciliana sceglie la scuola più premiata d’Italia per festeggiare il suo compleanno con tante risate e un coro di “Tanti auguri”

Occupazione delle scuole a Napoli. Anno scolastico a rischio - di Gennario Capodanno

“ Oramai i ragazzi hanno capito che il vento soffia a loro favore e quindi, approfittando anche delle temperature invernali, in molti plessi scolastici stanno anticipando le festività natalizie di un mese – stigmatizza Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -.

Il rischio idrogeologico - di Laura Alberico

Gli sconvolgimenti climatici sono diventati negli ultimi anni più improvvisi e intensi. Le forze naturali, aria, acqua e fuoco non sono più personificazione della divinità ma  nemici da combattere e con cui convivere quotidianamente. Se tuttavia il rischio sismico è un evento non prevedibile matematicamente il rischio idrogeologico rappresenta un aspetto poco conosciuto e spesso ignorato dalla popolazione. La natura, amica per definizione, è stata costretta per molti anni a subire gli interventi spesso sconsiderati delle opere umane. L’evoluzione culturale e sociale dell’uomo ha cambiato il suo rapporto con l’ambiente.

L’alunno ritrovato - di Laura Alberico

Si sta come  d’autunno  sugli alberi  le foglie” E’ tempo di esami, di resoconti, di conclusioni più o meno positive sulla fine di un anno scolastico. Alunni e insegnanti non più separati da quella linea di guerra che li ha visti spesso confliggere e rimanere distanti si ritrovano insieme a scambiarsi amichevolmente un sorriso, un augurio, un arrivederci.

CISL: quante menzogne sulla Legge Aprea !

La CISL diffonde uno studio sulla Legge Aprea che dimostra come il nuovo testo non contenga niente di quanto viene contestato, né sulla professionalità dei docenti, né sulla presunta intrusione dei privati nella scuola.
Scarica il dossier CISL:
http://www.cislscuola.it/sites/default/files/DOSSIER%20GOVERNANCE.pdf

Lettera di De Gasperi a sua moglie - di Giovanni Ghiselli

Voglio commentare la lettera che Alcide De Gasperi scrisse alla moglie Francesca il 6 agosto 1927 dalla clinica Ciancarelli di Roma. E’ un’epistola che contiene, oltre  ricordi personali con squarci lirici,  il riassunto e il  programma di una vita politica che non può essere disgiunta da quella morale e intellettuale.

La patente per guidare la scuola? - di Enrico Maranzana

Il libero pensiero impera nella scuola: mancano proposte di ammodernamento del sistema scolastico, concepite nel rispetto dei vincoli dottrinali e legislativi oggi esistenti, vincoli che valorizzano le esperienze pregresse e non le cassano acriticamente.

Carabinieri, i vincitori di concorso restano a casa

Hanno vinto un concorso pubblico, ma sono stati tagliati fuori dalla graduatoria degli ammessi. Per ora solo 375 su 1886 entrano in servizio effettivo. Effetto spending review anche per 1500 poliziotti precari. I “beffati” si uniscono” per una class action

Natale 2012 - di Francesco Lena

Per un Natale felice, che doni l'amore universale, ad ogni persona, nelle azioni e nel percorso della propria vita, nel suo progresso,
ci sia sempre il meglio di se stesso.

Napoli: mancata refezione e scuse superflue - di Gennaro Capodanno

A Napoli  33mila bambini delle scuole statali e comunali, con le rispettive famiglie, costrette in questi giorni a scendere in strada per il rispetto dei propri diritti, attendono dall’inizio del corrente anno scolastico che vengano varati i provvedimenti che consentano di fruire, come è loro diritto, del tempo pieno:

Napoli: 33mila bambini ancora senza refezione - di Gennaro capodanno

LA SCUOLA NEGATA Capodanno: “ E’ auspicabile l’intervento della Magistratura” Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, si schiera apertamente a fianco delle famiglie dei 33mila bambini che frequentano le scuole comunali e statali, alle quali famiglie era stato garantito, all’atto dell’iscrizione, il tempo prolungato con i servizi di mensa scolastica e che a tutt’oggi, nonostante che l’anno scolastico sia iniziato da oltre due mesi, non hanno ancora potuto fruire per i loro figli di questo servizio.

Nelle scuole napoletane 33mila bambini ancora senza pasto - di Gennaro Capodanno

Un evento su Facebook al link:http://www.facebook.com/events/257319024390473 “ A tutt’oggi – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -, nonostante che l’anno scolastico sia iniziato da oltre due mesi, la refezione scolastica nelle scuole napoletane, che prevede la somministrazione di pasti preparati con alcuni prodotti biologici ed alcuni piatti tipici tradizionali, non è ancora partita “.

Come ridare slancio e credibilità alla scuola pubblica? - di Giuseppe Iaconis

E‘ innegabile che negli ultimi lustri l’istruzione pubblica, in generale, e gli insegnanti, in particolare, hanno subito un forte calo di consenso sociale. Un crescente numero di cittadini/utenti considera i docenti dei privilegiati, nell’ipotesi migliore, dei fannulloni, in quella peggiore. Il fatto che i soggetti interessati al servizio scolastico (direttamente o indirettamente), i cosiddetti stakeholder, esprimano dei giudizi così severi nei riguardi di un’importante componente del pianeta scuola dovrebbe far riflettere.

Lettera aperta al nuovo direttore generale dell' USR Lombardia dott. Francesco De Sanctis relativamente al concorso per DS - di Carlo Soldano

In un'intervista sulla stampa risulta che Lei ha dichiarato relativamente al concorso per DS: «Aspettiamo di vedere cosa deciderà il Consiglio di Stato il 20 novembre. Rispetteremo la decisione dei magistrati. Poi decideremo il da farsi. E’ una situazione che si è creata per una serie di problemi ma che cercheremo di risolvere. I nuovi dirigenti scolastici sono fondamentali per rimettere in equilibrio il sistema. Un preside non dovrebbe ritrovarsi a dirigere due o tre scuole».