Passa ai contenuti principali

Concorso DS in Campania: Habemus Papam, ma rispuntano i “riservisti” - di Gennaro Capodanno


Vi ricordate i ricorsi, i tribunali intasati dai procedimenti, lo strascico con relative polemiche non ancora sopite, almeno per quanto riguarda i concorrenti della Sicilia, connessi al concorso per dirigenti scolastici bandito nel 2004, sul quale prima o poi bisognerà pur scrivere un libro bianco?
I posti alla fine si triplicarono, centinaia di partecipanti che non avevano nessun diritto, neppure di accedere alla prove scritte, non avendo i prerequisiti previsti nel bando, furono ammessi come “riservisti” in base a provvedimenti di sospensiva emessi dai relativi TAR e poi, con il famigerato emendamento inserito nella finanziaria 2007, anche gli ammessi con riserva, che avevano nel frattempo superato le prove, furono dichiarati vincitori del concorso ed oggi dirigono scuole in ogni parte d’Italia. Già perché il concorso originariamente era per settori e su base regionale, ma, con altre norme aggiunte in itinere divenne intersettoriale ed interregionale. Insomma un concorso che si adattò, nel corso del suo svolgimento, al contenzioso giudiziario che esso stesso aveva generato, al punto che da quel momento anche coloro che erano stati sempre ligi e rispettosi delle disposizioni concorsuali, compresero che per incrementare le possibilità di vittoria, bastava prima mettere in moto i meccanismi per il ricorso e poi presentare la domanda. L’esperienza di quel concorso non è servita a nulla. Sicché, invece di far tesoro di quanto accaduto, trovando soluzioni diverse per le nomine dei dirigenti scolastici, così come avviene in altre nazioni, per esempio con meccanismi di tipo elettivo,  nel 2011 è stato bandito un nuovo concorso. Anche in questo caso polemiche nella fase preselettiva, ricorsi,  espletamento delle varie fasi in diverse regioni, anche con la nomina dei vincitori a partire dall’anno scolastico in corso, graduatorie sospese e sentenze controverse: un copione ancora in parte da scrivere. In questo marasma spunta il “caso Campania”. Difatti dopo lungo travaglio il 30 ottobre scorso è stato pubblicato l’elenco dei candidati ammessi alla prova orale. Così si chiarisce definitivamente anche il “giallo” dei 1820 partecipanti alle prove scritte a fronte dei 1480 che erano stati ufficialmente ammessi dopo il superamento delle prove preselettive. Rispuntano i “riservisti”. Infatti dalla lettura del provvedimento si apprende che dei 959 nominati elencati ben 119, in pratica oltre il 12%, appartengono ad “ammessi con riserva”. Una fase selettiva, quella degli scritti in Campania, che ha praticamente escluso meno di un concorrente su due partecipanti, mentre la media nelle altre regioni è circa di tre su quattro, con un dato altrettanto eclatante. Mentre nelle altre regioni il numero di ammessi alle prove orali è di poco superiore al numero di posti messi a concorso, laddove addirittura nel Friuli Venezia Giulia, nel Molise, nella Puglia e nella Sardegna gli ammessi agli orali sono stati in numero inferiore alle disponibilità, in Campania la percentuale di ammissione è di oltre 4 volte superiore ai posti messi a concorso. Infatti a fronte dei 224 posti disponibili, gli ammessi alle prove orali, come detto, sono risultati essere ben 959. Ci potete giurare, anche questa volta il “caso Campania” terrà banco. Attraverso successive modifiche, emendamenti e leggi varie si può già immaginare uno scenario nel quale i vincitori del concorso in Campania, riservisti compresi, saranno molti di più dei posti messi a concorso, sicché a seguito delle ben nota contrazione dei plessi scolastici in tale regione, per l’applicazione, a partire dal corrente anno scolastico, del dimensionamento, i futuri dirigenti campani potranno andare ad occupare i posti vacanti in molte altre regioni italiane. Poi, anche attraverso i meccanismi della legge 104/92, compatibilmente con le successive disponibilità, cercheranno di avvicinarsi al più presto al luogo d’origine, lasciando sguarnite le scuole di prima nomina, costrette ad arrangiarsi con dirigenti scolastici a mezzo servizio fino alla prossima infornata.

Gennaro Capodanno – Napoli
gennarocapodanno@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …