Passa ai contenuti principali

Valutare i dirigenti .. un errore da matita blu - di Enrico Maranzana



Sono più di quarant’anni che nelle scuole configgono due partiti: da un lato agiscono le forze che operano per fronteggiare il vorticoso e disordinato dinamismo della società, dall’altro lato quelle abbarbicate alla tradizionale struttura di comando, sostenitrici di tradizionali pratiche didattiche. La decisione di valutare i dirigenti scolastici è una scelta di campo: allinearsi sul secondo fronte.

° ° ° °
La sonda Curiosity è scesa su Marte grazie alle conquiste scientifiche e tecniche ma, soprattutto, per le metodiche di progettazione oggi disponibili. Si tratta di procedimenti rigorosi, formalizzati, univoci che consentono di abbattere la complessità connessa alla dimensione dei problemi.
Il sistema normativo che regola la vita delle scuole ha fatto propria la cultura progettuale e l’ha posta a fondamento sia dell’autonomia scolastica sia del PRINCIPIO DI DISTINZIONE che separa i poteri politici da quelli dirigenziali. La sua sistematica elusione è all’origine dell’art. 37 del decreto legislativo 150/2009 che interviene per RAFFORZARLO, ricordando che Le funzioni di indirizzo e controllo spettano agli organi di governo, le funzioni di gestione amministrative spettano alla dirigenza”.
Riformulando. E’ stato introdotto un meccanismo di autoregolazione che separa il COSA deve essere fatto dal COME il risultato è ottenuto. Ne discende che i dirigenti scolastici hanno il compito di convocare gli organismi collegiali redigendo ordini del giorno in cui il carattere dei risultati da produrre sia specificato, esiti che saranno ottenuti con l’elaborazione di strategie, con l’organizzazione delle risorse, con la validazione delle azioni compiute.
L’interdipendenza degli organi di governo della scuola esige l’armonizzazione delle loro attività, coordinamento che il dirigente scolastico assicura portando a unità la gestione scolastica. In tal modo opera, come funzionario dello Stato, per collocare e per mantenere l’istituzione nell’alveo istituzionale: i gradi di libertà di cui dispone sono molto ridotti. In rete lo scritto “Coraggio! Organizziamo le scuole” tratteggia uno scenario plausibile.

° ° ° °
Il regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione prevede che l’Invalsi “definisca gli indicatori per la valutazione dei dirigenti scolastici”. L’istituto ha maturato esperienze nel settore e, in particolare, ha specificato gli ambiti dell’attività del Dirigente scolastico. Ecco quanto ha pubblicato: “Qui di seguito si riportano le azioni più significative connesse alla funzione di LEADERSHIP della dirigenza scolastica, ricordando che la qualità della sua azione deriva dalla combinazione, sempre particolare, fra obiettivi da conseguire nel contesto di riferimento, vincoli operanti e profilo personale:
 Definire l’orientamento strategico della scuola;
 Orientare le persone dentro un disegno concordato;
 Costruire relazioni finalizzate al risultato;
 Selezionare dati significativi dentro situazioni complesse;
 Scegliere e decidere fra alternative;
 Predisporre situazioni verso il cambiamento;
 Finalizzare contatti in ambito istituzionale;
 Pianificare le azioni proprie e del personale;
 Organizzare le attività;
 Sviluppare le risorse umane a disposizione;
 Delegare compiti chiari e assumibili;
 Negoziare e gestire trattative;
 Collaborare con le famiglie e con la comunità di appartenenza;
 Definire piani di valutazione attraverso dati significativi;
 Reimpostare e riadattare le situazioni.”

° ° ° °
Il DDL 953 sull’ autogoverno delle scuole, all’Art. 4 comma 3), stabilisce  che “Il consiglio dell’autonomia è presieduto da un genitore, eletto nel suo seno. Il presidente lo convoca e ne fissa l’ordine del giorno”. In questo caso non si tratta del conflitto di cui si è detto all’inizio, si tratta solo della mancanza di sicuri punti di riferimento!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…