Passa ai contenuti principali

Mistificazione di ruoli con esproprio continuo della funzione docente - di Elio Fragassi


Pur essendo, ormai, in pensione sono rimasto negativamente colpito dalla sentenza del Consiglio di Stato la quale ha stabilito che copiare non è più reato perché l’esame porta con sé “ansia”.
L’attuale mistificazione di ruoli nella società ha generato questa ennesima espropriazione della funzione docente da parte di un organo che nulla a che fare con pedagogia, scuola e educazione.
Platone (427-347 a. C.) La Repubblica. “E avviene . . . che il maestro non osa rimproverare gli scolari e costoro si fanno beffe di lui, che i giovani pretendano gli stessi diritti, le stesse considerazioni dei vecchi, e questi, per non parer troppo severi, danno ragione ai giovani. In questo clima di libertà, nel nome della medesima, non vi è più riguardo per nessuno. In mezzo a tale licenza nasce e si sviluppa una mala pianta: la tirannia”.
Nel 2001, quando ero ancora in servizio, in una mia riflessione sulla funzione docente si leggeva:” Gli insegnanti si sentono succubi di un potere che li ha prima espropriati della funzione formativa e poi delegittimati nel loro operare trasformandoli in Golem tuttofare attribuendo loro, comunque, qualità taumaturgiche con le quali risolvere ogni problema del sociale. Ne discende che gli insegnanti sono i soggetti più frustrati perché costretti, continuamente, ad operare ipocrite scelte tra diverse falsità”.
Nel 2008 la Corte di Cassazione sentenziava che minacciare di bocciatura uno studente è reato perché “l’ingiusta prospettazione di una bocciatura rappresenta una delle peggiori evenienze” sanzionando il comportamento del docente perché “idoneo a generare forti timori, incidendo sulla libertà morale” degli studenti.
Nel 2012 il Consiglio di Stato stabilisce che chi copia non va punito perché la prova d’esame crea uno “stato d’ansia”. Viene da pensare che chi sostenga ciò non ha mai affrontato esami perché ciò è nella natura umana e se la scuola, oltre le conoscenze disciplinari, deve insegnare ad attraversare la vita ben vengano queste situazioni ansiogene perché il loro superamento rafforza l’autostima e fa maturare lo studente nella consapevolezza di sè.
Quando i codici morali sono sostituiti da codici materiali e investono il mondo della scuola che è il luogo della formazione delle future generazioni dove s’impara a vivere assieme, s’impara il rispetto reciproco ed il rispetto delle regole, significa che si sta formando una società di furbi somari e prepotenti e di onesti falliti e frustrati.
Proprio in questo periodo le cronache testimoniano, quotidianamente, situazioni di questa natura.

Elio Fragassi
http://www.webalice.it/eliofragassi

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…