Passa ai contenuti principali

La scuola lombarda non deve iniziare nel caos - di Diesse Lombardia



Circa 700 scuole lombarde inizieranno così l’anno scolastico senza un proprio dirigente, affidate in reggenza provvisoria, in attesa della sentenza di merito – che confermerà quanto deciso dal TAR della Lombardia o accetterà il ricorso del MIUR e dei docenti risultati idonei al concorso – prevista per il prossimo 20 novembre.


Se non è ancora chiaro chi potrà essere vincitore della contesa giuridica in atto, ci sono invece sicuramente dei perdenti: le scuole lombarde, le famiglie e gli studenti. Ancora una volta siamo di fronte ad una situazione kafkiana, ciclicamente ricorrente nella
nostra scuola, in cui i pur legittimi interessi di alcuni bloccano l’intero sistema giocando un ruolo solamente negativo. Infatti anche se i ricorrenti contro l’amministrazione dovessero veder riconosciute le loro ragioni avranno solo il diritto di partecipare, assieme a tutti gli altri concorrenti, ad un nuovo concorso.
Diesse Lombardia invita a perseguire due altre soluzioni.
La prima – volta a chiudere ragionevolmente la situazione che si è creata – è una soluzione extragiudiziale che coinvolga tutti gli attori – Amministrazione, ricorsisti, docenti risultati idonei – e che renda inutile arrivare a sentenza il 20 novembre. Questa
soluzione deve prevedere: la rapida immissione in ruolo degli attuali vincitori; la riammissione alle prove orali di coloro che hanno fatto ricorso. Il numero di sedi vacanti in Lombardia permette infatti di ampliare il numero dei possibili vincitori del concorso.
Per questo: il Governo dovrà estendere i termini attualmente previsti per regolare le assunzioni dei nuovi dirigenti; l’USR della Lombardia deve aprire una trattativa tra le parti interessate che possa chiudersi rapidamente.
La seconda deve invece accelerare le decisioni in merito al radicale cambiamento delle modalità con cui lo Stato procede al reclutamento del personale necessario alla vita della sua scuola. Il modello attuale infatti è sempre l’edizione, riveduta e corretta, di quello nato a metà dell’Ottocento; va dunque superato mettendo in condizione l’istituzione scolastica di assumere una maggiore responsabilità gestionale, anche nel campo del reclutamento del personale.
La scuola lombarda, le famiglie, gli studenti e i docenti meritano che tutti insieme si faccia uno sforzo per risolvere la situazione che si è creata e che si provveda nel più breve tempo possibile a prendere le decisioni necessarie perché situazioni come queste
non abbiano a riproporsi

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…