Passa ai contenuti principali

Innovare il servizio scolastico .. in cinque mosse - di Enrico Maranzana


Gli studenti quando affrontano un compito in classe esibiscono comportamenti tipici e ricorrenti: la prima fattispecie è costituita da quanti leggono il testo del compito, ne individuano le richieste, specificano il risultato atteso, reperiscono i dati necessari, formulano ipotesi, le concretizzano in strategie, elaborano le risposte. Una seconda squadra è formata da quanti piegano il testo alle conoscenze e alle regole conosciute e ne riformulano la richiesta. Ci sono infine quelli che fanno affidamento sui suggerimenti dei compagni.

Si tratta di una chiave di lettura di quanto oggi serpeggia nel mondo della scuola e che si è reso manifesto per “La Finlandia che sull’onda dei successi di PISA, ha imparato a “vendere” all’estero la propria immagine di Paese leader nell’istruzione. Il nuovo prodotto di esportazione è l’architettura scolastica”.

La questione che qui si pone è: quali sono i nodi da sciogliere per adeguare l’istituzione scuola al mondo contemporaneo?

1 - Leggere il contesto, specificare il risultato atteso

La legge ha sostituito la parola scuola con Sistema educativo di educazione e di formazione. Si tratta di un cambiamento epocale in quanto portatore d’unitarietà, di finalizzazione, del coordinamento sinergico, del controllo. [CFR in rete “La scuola del XXI° secolo”; “La scuola rivedrà le stelle?”; “Autonomia, progettazione .. parole leggere”]

2 - Capitalizzare l’esperienza

Chi è chiamato a decidere del futuro dell’istituzione scolastica vive due intense tentazioni: pensare d’intervenire su d’un terreno immacolato; presumere che le soluzioni precedentemente adottate siano sbagliate e, di conseguenza, non ricercare le cause della loro inefficacia.  Tentazione a cui ha ceduto sia il ministro Francesco Profumo quando ha detto che la scuola media è l’anello debole [CFR in rete “Riformare la scuola media: perché?”], sia la VII° commissione cultura della Camera che elabora il DDL sull’autogoverno delle istituzioni scolastiche [CFR in rete “L’abbecedario dell’autonomia e dell’autogoverno”; “DDL Aprea: una scelta irrazionale”; “Libertà di insegnamento, ovvero, i bamboccioni”]

3 - Reperire i dati necessari

 La gestione del sistema educativo di istruzione e di formazione richiede sia la rigorosa applicazione dei principi scientifici dell’organizzazione [CFR. in rete “Coraggio! Organizziamo le scuole”], sia l’accettazione da parte della dirigenza scolastica delle responsabilità del proprio ufficio, senza dilatarle per invadere ambiti altrui [CFR in rete “La scuola è stata imbalsamata”].
Inderogabile la costituzione di un patrimonio lessicale/concettuale condiviso [CFR in rete “Competenza: un concetto multiforme”; “Competenze: poche idee ben confuse”].
Ineludibile la ridefinizione della funzione docente per adeguarla alla strutturazione a sistema della scuola [CFR in rete “La professionalità dei docenti: un campo inesplorato”]

4 - Formulare ipotesi e disegnare strategie

La progettualità è la sostanza dell’autonomia delle scuole: si concretizza nell’ideazione, nella realizzazione e nel controllo di iniziative formative, educative, d’istruzione e d’insegnamento [CFR in rete “Insegnare matematica dopo il riordino”].
Sul versante dell’insegnamento il cambiamento richiesto è profondo: gli argomenti disciplinari diventano “strumento e occasione” per la costruzione di occasioni di apprendimento la cui caratterizzazione è data dai problemi che hanno segnato l’evoluzione delle conoscenze e dai tipici metodi risolutivi del settore  [CFR in rete “Lab. di matematica: Pitagora”; “Numeri naturali e sistemi di numerazione”; “Problema, modello, esecutore”]. In questa direzioni muovono le raccomandazioni metodologico-didattiche contenute nei regolamenti di riordino del 2010.

5 - Ottenere  risultati
Il problema che la scuola affronta è stato scomposto in parti via, via più minute: formazione – educazione – istruzione – insegnamento sono i raffinamenti. [CFR in rete “Coraggio! Organizziamo le scuole”]

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…