Passa ai contenuti principali

Concorso DS: la “crociata” delle buste trasparenti e dei collegi non perfetti - di Aldo Domenico Ficara


I timori delle associazioni DISAL  e ANP,  sul concorso per Dirigenti scolastici,  sono  più che fondati,  l’imperativo di fare presto nel pubblicare le graduatorie di merito definitive è giustificato dal fatto di  imminenti presentazioni di numerosi ricorsi amministrativi, una vera e propria “crociata” contro la procedura ritenuta  irregolare, fondata soprattutto su buste trasparenti e collegi non perfetti.

Tutto parte dalla sentenza del TAR della Lombardia e molto velocemente si sta diffondendo su l’intero territorio nazionale.

Il segreto di questa velocità inattesa, che sta spiazzando quelle organizzazioni sindacali che auspicano l’assunzione a breve dei dirigenti scolastici vincitori del concorso, la ritroviamo nella velocità comunicativa del web,  attraverso forum tematici e social network. A questo problema va aggiunto quello, non secondario,  di una selezione  concorsuale ottocentesca, come la definisce Rembado, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, che ha avuto il demerito di escludere dalle fasi finali del concorso alcune tra le migliori competenze didattiche, giuridico- amministrative e informatiche,  che oggi aggregandosi,  stanno organizzando una pesante reazione ai presunti torti subiti. Le voci ufficiose, ma attendibili ( perché fatte da docenti che inoltrano questi ricorsi amministrativi ), che circolano nel web,  parlano di motivazioni aggiunte riferite alle buste trasparenti in otto regioni, ed in altre regioni la presentazione di ricorsi amministrativi basati sul concetto dei  collegi non  perfetti. Altri ricorsi, di non minore impatto giuridico-amministrativo,  sono quelli delle regioni Lazio e Molise, fondati sul controllo della regolare composizione delle commissioni regionali, e quelli dell’Abruzzo sui tempi di correzione disomogenei, per non tacere sull’appello al CdS in riferimento alla griglia di valutazione in 32/30 presentata in Piemonte. Tutto ciò rischia di esplodere all’inizio del prossimo anno scolastico, in una sorta di sovrapposizione degli effetti con l’entrata nel merito sull’errore docimologico della prova  preselettiva ( 22 novembre 2012 ), che potrebbe determinare  una probabilità di annullamento dell’intera procedura concorsuale diversa da zero. Chi potrebbe fare le spese di questo scenario improntato al ricorso amministrativo ?  Quasi sicuramente tutti gli aspiranti DS che si trovano in coda alle graduatorie di merito definitive, perché per coloro che riusciranno ad entrare di ruolo nel prossimo mese di agosto, nel caso di un possibile annullamento del concorso si  potranno predisporre adeguati “ paracaduti “, come quelli della legge salva presidi 2004 in Sicilia.

Aldo Domenico Ficara

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…