Passa ai contenuti principali

Chi sono i moderati - di Giovanni Ghiselli


I moderati sono i conformisti. I moderati sono i poveracci che ricavano una identità gregaria e fasulla dal denaro che possono spendere. I moderati sono quelli che vivono secondo i luoghi comuni, secondo il “così si fa”, così si dice”. I moderati sono gli immaturi incapaci di diventare quello che davvero sono. I moderati sono quelli non educati a pensare, anzi condizionati a non pensare da tutte le pubblicità e le propagande che avvelenano l’aria.


I moderati sono la maggioranza degli Italiani nelle previsioni dei politici astuti che mirano a usarli. Astuti ma non intelligenti: infatti non si rendono conto che questo adagiarsi nel luogo comune e nell’ inerzia del non pensiero sussiste nei più solo finché la maggioranza non è tormentata o minacciata dalla fame, dal dormire senza un tetto sopra la testa, dal non avere più i mezzi per curarsi, o per  mandare i figli a scuola. Le persone affamate acquistano il coraggio di ribellarsi allo stato delle cose che li affama. Quelli che contano sul moderatismo inerte, politici come Napolitano e Casini tanto per essere chiari, danno sempre ragione al più forte. Partiamo dal fautore di moderatismo dal corso più lungo: il vetusto presidente di questa Repubblica democratica esautorata e vilipesa. Costui vide e approvò i “boom” dei carri armati sovietici che invasero l’Ungheria nell’autunno del 1956 e fecero migliaia di morti; quindi ha sanzionato tutte le prepotenze e i soprusi perpetrati dai più forti sui più deboli. Dalla repubblica popolare Magiara, alla Libia di Gheddafi con tanti boom che lui ha rimosso e non ricorda.
Ora lo smemorato è pure accecato e non vede il boom di Grillo che ha sotto gli occhi, in quanto spera ancora di vedere demonizzato e represso il politico genovese, come capitò ai patriotti ungheresi Nagy e a Maleter che vennero impiccati dai suoi compagni dell’epoca. Come è successo a Gheddafi e ai tanti civili sterminati dalle bombe che lui ha benedetto con boccuccia arcuata, sempre pronta  a baciare i vincitori. Quanto ai suicidi italiani, il  presidente li ignora: ha avuto la spudoratezza di affermare che in Italia non c’è esasperazione.
 Ma veniamo all’astuto Casini, altra consumata volpe. Il già pupillo di Forlani e di Berlusconi  ha  fiutato che molte cose stanno cambiando in politica e si appresta a scendere dal carro dove si trova, per  saltare sul prossimo, qualunque esso sia, purché funzionale al suo pragmatismo privo di carità, non solo cristiana ma anche umana. Si atteggia a Catone austero e morale mentre insegue l’utile, il proprio utile con una tenacia da tenia, da parassita pronto a trarre profitto da qualsiasi situazione possa prestarsi al suo tornaconto. I moderati cui certa gente fa appello stanno cominciando a capire. Rieducati dalle dure difficoltà nelle quali questa genia di politici li ha gettati come in una discarica, iniziano ad aprire gli occhi della mente e capiscono quante menzogne spacciano queste maschere grottesche che recitano la parte dei buoni pastori mentre di fatto  sono lupi rapaci e voraci.
Giovanni ghiselli  g.ghiselli@tin.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…