Passa ai contenuti principali

Un grazie all'onorevole Aprea - APEF


L’On. Aprea lascia il Parlamento - della Associazione Professionale Europea di Formazione
L’On. le Valentina Aprea, presidente della VII Commissione Cultura della Camera, ha dato le dimissioni da parlamentare per ricoprire a tempo pieno il suo nuovo prestigioso incarico di assessore alla cultura, istruzione e formazione professionale alla Regione Lombardia.


Nella sua lunga carriera politica, iniziata nel 1994 ha rivestito, con il Ministro
Moratti, l’incarico di sottosegretario all’istruzione con delega alle Riforme, ma è
stata soprattutto una convinta sostenitrice della valorizzazione e del riconoscimento della professionalità docente, unica parlamentare nel quadro politico sia di centrodestra che di centrosinistra, presentando alla Camera all’inizio della legislatura, la legge sulla Riforma dello Stato giuridico degli insegnanti che prevedeva, tra l’altro, uno sviluppo di carriera, un nuovo sistema di reclutamento e la riforma degli Organi collegiali della Scuola.
Nonostante il mancato sostegno dei ministri del suo stesso schieramento politico, con la tenacia che la contraddistingue, è riuscita a portare a termine il suo disegno di legge (n.953), con l’accordo della nuova maggioranza, anche se solo sulla parte relativa alla Governance delle Scuole autonome che, dopo un percorso difficile in commissione durato due anni, era stato fermato dalla Lega nel luglio 2009.
Proprio in questi giorni la legge è stata assegnata in sede deliberante con il voto favorevole dell’Aula, alla VII Commissione, il che le spiana la strada verso l’approvazione in Senato.
Come abbiamo già scritto, il Progetto di legge però ha perso pezzi importanti, come la prevista riforma dello Stato giuridico dei docenti, evidentemente troppo “avanti” e troppo riformatore per le forze, tutte, che sostengono l’attuale governo. Ma Valentina Aprea, nel nuovo quadro degli equilibri dei partiti della attuale
maggioranza, ha accettato, realisticamente di dare almeno alle Scuole, le basi per realizzare quell’autonomia statutaria, che attendevamo dal 1997.
Noi le saremo sempre grati per questo e per le tante battaglie riformiste che, in un mondo ingessato, sordo all’innovazione e che vive di centralismo come la Scuola, l’abbiamo vista combattere. Siamo certi che, almeno al momento, nel Parlamento italiano sarà difficile trovare una persona altrettanto competente e con una vision altrettanto riformista verso il mondo della Scuola.
Il Direttivo nazionale dell’APEF

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…