Passa ai contenuti principali

Il pensiero incarnato in Emmanuel Levinas - recensione di Giovanni Ghiselli


Francesca Nodari 
E’ appena uscito un libro molto denso di Francesca Nodari: Il pensiero incarnato in Emmanuel Levinas (Morcelliana). La giovane studiosa è direttore scientifico del Festival Filosofi lungo l’Oglio e collabora alla cattedra di Filosofia teoretica dell’Università di Milano-Bicocca. 


Alle origini del pensiero incarnato ci sono i Carnets de captivité che sono stati pubblicati nel 1909, diversi anni dopo la morte (1905-1995) del filosofo ebreo-lituano che fu prigioniero di guerra dei nazisti. Il corpo viene rivalutato dalla svalutazione operata dai vari spiritualismi. Già Leopardi aveva scritto:“ anticamente la debolezza del corpo fu ignominiosa, anche nei secoli più civili. Ma tra noi già da lunghissimo tempo l’educazione non si degna di pensare al corpo, cosa troppo bassa e abbietta: pensa allo spirito; e appunto volendo coltivare lo spirito, rovina il corpo, senza avvedersi, che rovinando questo, rovina a vicenda anche lo spirito”[1].
L’autrice, nella Prefazione, cita lo Zarathustra di Nietzsche: “Io sono tutto corpo e nulla al di fuori di questo”. Platone viene più volte confutato dal filosofo naturalizzato francese: Eros non è figlio di Poros e Penia, non nasce dalla mancanza, incarnata dalla madre, e non è fusione di due esseri, ma è la presenza di due persone distinte. Nell’eros è la dualità che diviene la gioia stessa.  “Versus Platone, Levinas insiste nel sottolineare come nell’amore non si dia l’unione tra due esseri…ma che ci siano due esseri, due soggetti incarnati, la cui dualità è costitutivamente insuperabile”. Il numero stesso, scrive Levinas “è sempre una riflessione almeno sul due”.
La fusione  confutata da Levinas  viene considerata quintessenza dell’amore   da Dostoevski:"questo amore mi tortura, mi tortura!...Prima, mi facevano languire soltanto le flessuosità del suo corpo infernale, ma adesso tutta la sua anima l'ho trasfusa nella mia, e grazie a lei anch'io sono diventato un uomo!"[2], dice Dimitri Karamazov di Gruscenka.
 Riguardo a quanto si vede della persona umana, l’accento cade sul volto: “Il volto non è in effetti un insieme di elementi anatomici: occhi, naso, bocca etc.-ma la possibilità del denudamento totale-la forma che si smaschera”. Già nella Parodo dell’Edipo re di Sofocle, il Coro chiede ad Atena: “manda un rimedio dal bel volto (v. 189). La polis è travagliata da peste, fame e dalla guerra, come l’Europa nel tempo della prigionia di Levinas.
La colpa che consegue al dono della libertà è un altro concetto che si trova nei quaderni del filosofo ed riconducibile alla tragedia greca: il Prometeo di Eschilo si gloria di avere trasgredito l’ordine con la sua hybris santa che ha beneficato gli uomini:"io sapevo tutto questo:/di mia volontà, di mia volontà ho compiuto la trasgressione, non lo negherò / aiutando i mortali ho trovato io stesso le pene "(265-267). Nietzsche parla di dignità conferita al delitto. E’ la felix culpa focalizzata dalla Nodari. Infine il filosofo coglie l’essenza del giudaismo nel “paradossale rovesciamento della sofferenza suprema in felicità”. I prigionieri di guerra come Levinas, diversamente dagli ebrei sterminati nei lager nazisti, sono in buona parte scampati alla morte e hanno potuto riflettere sul loro dolore, al pari di Isacco che ha camminato per tre giorni verso il luogo del proprio sacrificio. “E’ grazie a tale dilazione di rotta che la prova è feconda”, Così Levinas e altri prigionieri di guerra ebrei hanno avuto il tempo di chinarsi sulla loro disgrazia e di interrogarsi. E nella loro pena hanno riconosciuto il dolore di tutto il mondo. Dopo Giobbe, il giudaismo sa scoprire nei patimenti  stessi i segni dell’elezione. Eschilo nell’Agamennone ha scritto: “attraverso la sofferenza, la comprensione (177). Levinas ha trovato possibile questo capovolgimento del dolore nella felicità. “Tutto il cristianesimo è già contenuto in questa scoperta”.   
    
[1] G. Leopardi, Operette morali, Dialogo di Tristano e di un amico.
[2]F. Dostoevskij, I fratelli Karamazov  (del 1880), p. 709.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…