Passa ai contenuti principali

SALUTE - I botti di fine anno in mano inesperte: che pena sentirsi prevaricati da tanta superficialità ed illegalità. - di Gennaro Iasevoli, psicologo, volontario della Protezione civile

Negli spazi pubblici i botti di Natale e di capodanno, rozzi, illegali e tossici, inquinano l’aria ed intontiscono le menti dei deboli.


Chi spara fuochi di artificio a capodanno si sente forte con i tric-trac in mano e crede psicologicamente di resettare in meglio la propria vita insignificante, invece tutto finisce lì, in trac, in rozzi rumori e fumi puzzolenti, che confermano maggiormente la stupidità dell’azione. Con un poco di osservazione psicologica, su chi compra, accende e lancia questi velenosi cartocci esplosivi, si scopre il vero volto di tante persone tamarre, che odiano i fiori e vivono nell’ansia di partecipare alla moda effimera e pacchiana, con il desiderio di farsi notare e di richiamare con la prepotenza l’attenzione su di sé. Lo sparo dirompente e fumoso è il mezzo prepotente e prevaricante, che i creduloni usano, per attirare o per spaventare gli altri, sperando di divenire più importanti col fuoco di paglia.
Cominciamo col dire che prima ancora di aspettare capodanno, provvedono a far esplodere tanti fuochi di artificio anche le centinaia di pregiudicati che alla fine della pena carceraria rientrano nello loro famiglie accolti con esplosioni di castagnole e bengala. Ma anche le feste padronali comportano processioni in un campo minato. Infine i ragazzi di strada, nei paesi di provincia, già dal mese di novembre e fino a tutto gennaio, spendono tutti i loro spiccioli in strisce esplosive cinesi. Tutte le esplosioni vengono effettuate naturalmente negli spazi pubblici o nelle aree condominiali, senza rispetto di alcuna norma umana e legale. Alla fine vengono causati molti danni all’ambiente biologico da queste pratiche tribali, malsane e pericolose. Però la speranza di uscire da questi comportamenti è ancora limitata fin quando non si diffonderanno le conoscenze psicologiche sui motivi di queste azioni umane. Tanti euro sprecati nel comprare botti, bombette e tric-trac pieni di sostanze tossiche e polveri sottili che intossicano l’aria già abbastanza rovinata da auto, aerei, bruciatori ed industrie e spaventano bambini, vecchi, cani, gatti, uccelli.
Ma molti non arrivano intelligentemente a queste considerazioni e continuano a sentirsi felici e contenti con i tric-trac in mano !
g.i.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…