Passa ai contenuti principali

Organizzazioni fameliche nel Concorso DS - di Silos Ignance

Quanti sono usciti NON idonei dalla prova preselettiva del recente concorso per Dirigente Scolastico avevano un sentimento imprevisto. Insieme alla rabbia o all’amarezza prevedibile, qualcosa di inedito è iniziato a spuntare: la speranza.
In un’Italia che concede
·         condoni seriali agli evasori fiscali,
·         sanatorie a chi costruisce case abusive,
·         concordati a chi commette atti illeciti,
·         assunzioni politiche, spianate da microscopici commi, ai non aventi diritto
beh, in questa Italia si poteva sperare che qualcosa potesse succedere. Così i NON idonei, dopo le batoste della dura prova preselettiva, hanno spaccato il capello in quattro, convinti che qualche difetto si sarebbe trovato, poiché non esiste nulla di perfetto nelle vicende umane. E poi faceva sorridere la diffusa convinzione che il TAR un’ammissione con riserva non la nega a nessuno. Questo ha spinto a sperare che tutto potesse finire a TAR-allucci a vino. Nella migliore tradizione della commedia all’italiana alla Mario Monicelli.
Ma lungo la strada i poveri NON idonei hanno incontrato, come succede nelle belle favole per bambini, una fata buona e una strega cattiva. La strega cattiva era il ministero. Dopo gli svarioni del bando e il catastrofico avvio del concorso, il ministero ha capito benissimo che i giochi si stavano facendo pesanti, maledettamente pesanti. Così ha deciso di giocare duro. Ha serrato i ranghi non dilazionando i tempi oltre il 12 ottobre, ha ignorato i piagnistei sindacali, ha curato la prova nei minimi dettagli, ha imposto al Formez la massima trasparenza possibile. E per la prima volta in Italia abbiamo assistito, come in un Grande Fratello televisivo, alla correzione a tempi di record di una prova preselettiva. Dietro le telecamere, tra barcode e marcature, la selezione è stata di una oggettività assoluta. Insomma una vera strega cattiva per i sogni dei tanti NON idonei ammessi.
Ma poi girando la curva, sull’altro lato della strada, è comparsa la fata buona, o meglio le fatine buone. Erano le varie organizzazioni che avevano l’interesse a promuovere i ricorsi a tappeto. Farli significava:
·         accaparrarsi una bella quota di tesserati;
·         foraggiare una platea di legulei con guadagni che l’enormità dei ricorsi rendeva stratosferici;
·         vendere corsi di formazione alle prove scritte a tante persone che, ma guarda che cattiveria, erano state non ammesse al concorso.
Cosi queste organizzazioni hanno giocato pesante. Qualche settimana prima insultavano il ministero che affidava le istituzioni scolastiche alla mercè dei reggenti. “Questo impedisce il buon funzionamento delle scuole” dicevano. Ora, facendo entrare migliaia di ricorsisti, giocavano a mandare il concorso a TAR-allucci e vino e a far esplodere la situazione patologica delle reggenze per il prossimo anno scolastico. Ma come dice un monsignore che conosco: “E’ importante il Dio trino, ma lo è di più il dio quat-trino”.
Queste fatine premurose(di denaro) hanno sposato in pieno gli interessi di una parte in causa (quella dei NON idonei), a scapito dell’altra parte che pure era iscritta o simpatizzante di qualche organizzazione.
Un cinico gioco al massacro per la scuola pubblica e soprattutto per i poveri idonei. Dopo una prova tremenda superata senza la raccomandazione del potente di turno, devono ora affrontare la preparazione agli scritti senza sapere con chi si confronteranno e senza avere la serenità, che occorre loro e che è loro diritto, per affrontare gli scritti.
In questo gioco ANP, ADI e qualche altro hanno avuto il merito della coerenza. Hanno detto di schierarsi con gli idonei. E questo non è poco. In un’Italia schiacciata dagli interessi corporativi di lobby fameliche e maneggione, dalla devastazione delle regole e delle leggi, che qualcuno dica con chi sta è già una grande novità. Quei poveri italiani onesti, che non vivono nella certezza del diritto, apprezzano almeno il conforto della certezza della coerenza.
Ignace Silos

Commenti

  1. Io sto con gli idonei e con i non idonei.
    Sto con quanti si sono preparati alla preselezione credendo di avere un minuto per ciascuna domanda e si sono invece trovati a dividere il tempo con il librone.
    Sto con quanti si sono sentiti presi in giro perchè molte risposte date per esatte erano errate o opinabili.
    Sto con chi crede che il concorso debba essere una cosa seria ed è infastidito nel dover memorizzare quasi 6000 domande e relative risposte ed una settimana prima del pre/esame sapere che 975 risposte - già memorizzate - erano sbagliate.

    Io sono contro i Sindacati che si sono 'tuffati' nei ricorsi alla stessa stregua degli sciacalli sulle carcasse.
    Io sono distante anni luce dall' ANP e ADI quando ritengono possibile prendere posizione pro Idonei e contro i Non Idonei nonostante conoscano le ragioni degli uni e degli altri.

    L'ANP ha perso - a mio avviso - un'occasione unica: poteva aspettare che le ragioni dei Non Idonei venissero evidenziate dal TAR che non sostituisce le sedi d'esame ma l'ingiustizia con la giustizia.

    L'ANP dovrebbe prestare più attenzione all'operato della giustizia amministrativa, tranne che non pensi davvero che il tutto si concluda sempre e comunque a TAR-allucci e vino (bruttissima e bassa allusione).

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…