Passa ai contenuti principali

Concorso DS: chi è senza peccato scagli la prima pietra - di Gennaro Capodanno

Ripropongo con questo mio intervento un articolo che ebbi a scrivere in data 27 novembre 2006, vale a dire circa cinque anni addietro, in occasione delle polemiche che nacquero tra i partecipanti al concorso ordinario bandito nel 2004 e gli ammessi a quello riservato, bandito nel 2006
In quell' quale articolo, del quale c'è ancora traccia sui siti internet si anticipava la soluzione che fu poi trovata. In pratica, alla fine, furono sistemati tutti coloro che si trovavano inseriti nelle graduatorie del concorso ordinario, sia i partecipanti pleno iure sia i cosiddetti riservisti, in base all'oramai famoso comma 619 dell'art. 1 della legge finanziaria del 2007 che così recitava: " In attesa dell’emanazione del regolamento di cui al comma 618 si procede alla nomina sui posti previsti dal bando di concorso ordinario a dirigente scolastico indetto con decreto direttoriale del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca 22 novembre 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4ª serie speciale – n. 94 del 26 novembre 2004, e, ove non sufficienti, sui posti vacanti e disponibili relativi agli anni scolastici 2007/2008 e 2008/2009, dei candidati del citato concorso compresi i candidati in possesso dei prescritti requisiti ammessi con riserva a seguito di provvedimento cautelare in sede giurisdizionale o amministrativa che abbiano superato le prove di esame propedeutiche alla fase della formazione con la produzione da parte degli stessi di una relazione finale e il rilascio di un attestato positivo da parte del direttore del corso, senza effettuazione dell’esame finale previsto dal bando medesimo. Si procede, altresì, sui posti vacanti e disponibili a livello regionale relativi al medesimo periodo, alla nomina degli altri candidati che abbiano superato le prove di esame propedeutiche al corso di formazione del predetto concorso ma non vi abbiano partecipato perché non utilmente collocati nelle relative graduatorie; questi ultimi devono partecipare con esito positivo ad un apposito corso intensivo di formazione, indetto dall’amministrazione con le medesime modalità di cui sopra, che si conclude nell’anno scolastico 2006/2007; le nomine di cui al presente comma, fermo restando il regime autorizzatorio in materia di assunzioni di cui all’articolo 39, comma 3-bis, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, sono conferite secondo l’ordine della graduatoria di merito ". Con questo comma, che non scandalizzo allora nessuno dei sindacati e delle associazioni di categoria, anzi fu accolto da tutti con grande entusiasmo, nonostante che facesse riferimento, si badi bene, non a sentenze passate in giudicato ma a provvedimenti cautelari, vale a dire a provvedimenti di sospensiva per lo più emessi dai TAR, che allora, si diceva, che si ottenessero con una certa facilità, la stessa con la quale poi i ricorsi venivano rigettati con sentenza, i posti originari messi a concorso, che erano 1.500, in pratica si moltiplicarono a dismisura, consentendo a migliaia di docenti, che non avevano raggiunto nella fase selettiva il punteggio minimo per sostenere le prove scritte ed orali, di parteciparvi, in aggiunta agli aventi diritto a pieno titolo, risultando poi anch’essi vincitori di quel concorso. OggiAggiungi un appuntamento per oggi, paradossalmente, molti di quei dirigenti che non avrebbero avuto i requisiti per diventare tali, se si fossero rispettate le regole indicate nel relativo bando, sono iscritti alle stesse associazioni che sposano le tesi degli idonei alla recente prova preselettiva del concorso in atto, parlando, riferendosi ai ricorsi dei non idonei, di un uso distorto di uno strumento che doveva essere di garanzia e che invece si sta trasformando in un’impropria sede di appello contro ogni decisione sfavorevole, cosa che appunto avvenne anche nel precedente concorso. Ma dov’erano le associazioni ed i sindacati quando nel 2006 si mortificarono i diritti di coloro che o non avevano presentato la domanda perché sapevano di non possedere titoli sufficienti per superare la selezione prevista dall’art. 10 del bando o, rispettando le regole, una volta che non avevano superato tale fase, decisero di non presentare ricorso? Da quel peccato originale nascono, a mio avviso, tutti i problemi del concorso in atto, perché vale anche in questo caso la “teoria delle finestre rotte” ed avendo rotto una volta il meccanismo del rispetto delle regole, senza provvedere a ripararlo se non con la più classica delle toppe, si consente oggiAggiungi un appuntamento per oggi, ma ciò accadrà anche in futuro, a chiunque di poter emulare un simile comportamento, ricorrendo a tutti i meccanismi che è possibile legittimamente utilizzare per poter raggiungere il proprio scopo. Dunque, rimanendo in tema di finestre rotte, chi è senza peccato scagli la prima pietra.
Gennaro Capodanno
gennarocapodanno@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…