Passa ai contenuti principali

Concorso Dirigenti. Qual era lo scopo della prova preselettiva? - di Giuseppe Iaconis

Se lo scopo della recente prova preselettiva del discusso concorso per dirigente scolastico (svoltasi il 12 ottobre) era quello di selezionare i più validi candidati al ruolo di capo d'istituto si può affermare, senza paura di essere smentiti, che l’obiettivo è stato clamorosamente mancato. 
La metodologia di selezione della classe dirigente voluta dal ministro Gelmini, nella migliore delle ipotesi, consentirà alla scuola italiana di disporre, nel prossimo futuro, di una schiera di “presidi baciati dalla fortuna”, piuttosto che di dirigenti con un solida preparazione psico-pedagogica, tecnico-organizzativa e, soprattutto, dotati di quelle qualità intellettuali e morali indispensabili per dirigere efficacemente un’istituzione in cui, oltre ai ragionieri, ai geometri e ai tecnici dell’industria, si formano pure le coscienze.
Alle difficoltà derivanti dal fatto che bisognava rispondere a 100 quesiti in 100 minuti, cercandosi le domande all’interno di un librone di circa 500 pagine che di quesiti ne conteneva quasi 6.000, si sono aggiunte quelle connesse all’obbligo di riportare la risposta considerata corretta su un foglio a lettura ottica, annerendo un cerchietto, con penna biro di colore nero, senza fuoriuscire da quest’ultimo. Per compiere queste due semplici operazioni necessitavano mediamente 40 secondi: 30 per cercare il quesito all’interno del grande libro e 10 per annerire il pallino di risposta sulla stringa a lettura ottica. Sì, è proprio così, per leggere una domanda e le quattro possibili risposte, spesso molto lunghe, rimanevano soltanto 20 secondi. Ecco allora che in tantissimi, svolti i primi 50/60 quesiti, a causa dell’assottigliarsi del tempo a disposizione, sono stati costretti ad accantonare l’odioso librone e a recitare “Ambarabà ciccì coccò…” per individuare tra A, B, C e D quale fosse il pallino da annerire. E come se non bastassero le difficoltà descritte, i quesiti errati e quelli incomprensibili, si è pensato di rendere la vita ancor più dura ai candidati predisponendo un volume contenente le domande in orizzontale e con una rilegatura strampalata che, in molti casi, impediva la lettura dei primissimi righi di domanda e di risposta: occorreva “squartare” il librone con forza per poter scorgere il testo sottostante.
Inoltre, le pagine di quest’ultimo, in carta riciclata molto ruvida, risultavano difficilmente sfogliabili: individuare il quesito era veramente un’impresa. A questo punto sorgono spontanei una serie di interrogativi che probabilmente non troveranno risposta. Come mai non si è optato per una somministrazione telematica dei quesiti?
Se si considera che i candidati, prima che potessero svolgere la prova, sono stati “sequestrati” dalle otto del mattino sino a mezzogiorno c’era tutto il tempo per poterli sottoporre, a gruppi di 50/100 alla volta, a verifica computerizzata con esisto just in time. Perché si è confezionato il librone in orizzontale piuttosto che in verticale impedendo un’agevole lettura di molti quesiti? Come mai lo si è prodotto in carta riciclata di pessima qualità, determinando una notevole dilatazione dei tempi di ricerca dei quesiti? E soprattutto come mai in molte istituzioni scolastiche, specie in Calabria, tra il momento in cui sono stati distribuiti i fogli contenenti i numeri delle 100 domande sorteggiate e il momento di inizio della prova sono trascorsi circa 50/60 minuti?
Si tratta, evidentemente, di una procedura di selezione che va messa in discussione ab imis, poiché non permette di raggiungere lo scopo per il quale è stata concepita: individuare la classe dirigente del futuro, alla quale spetta il difficile compito di favorire la crescita culturale e morale della società e, quindi, traghettare finalmente il paese fuori dalla crisi economica e dal decadimento sociale e politico in cui da troppo tempo siamo costretti a vivere. 

Giuseppe Iaconis

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…