Passa ai contenuti principali

Un pensiero dedicato ai genitori degli angeli -. di Cristina Rocchetto

A gennaio compierò 48 anni. Ho avuto e ho una vita intensa, fatta di gioie, difficoltà, incontri, scontri, dialoghi e discussioni. Non mi presento mai come la perfezione incarnata, anche io ho i miei limiti e faccio errori. Mi sono mossa in varie realtà sia italiane che estere in cui ho potuto esperire, direttamente ed indirettamente, come mamma, come educatrice, come osservatrice e scrittrice, lo stesso sentimento di costernata estraneità verso un modo di intendere la propria responsabilità di genitore.
Mi si permetta di rivolgermi allora anche da questa piazza a quelle tante famiglie senza fare nomi di cose, luoghi e persone del tutto irrilevanti, o aggiungere altri commenti, veramente superfli.
Vorrei inviare un pensiero speciale a tutti quei genitori che sanno di avere in casa figli che non diranno mai loro bugie, non fumeranno mai sigarette di nascosto, non ruberanno mai gli spiccioli dalle tasche e forse qualche caramella al supermarket, non assaggeranno mai la birra; che non conosceranno a 11/12/13 anni cosa sia l'hashish, non proveranno un preservativo (per i maschietti), non sapranno mai cosa è la masturbazione (femminile e maschile) e mai confronteranno le loro "lunghezze di sviluppo" con quelle dei loro compagni (per i maschietti); ai genitori angosciati per un 8 non riconosciuto ad un'interrogazione o sulla pagella: quel voto che garantirà senza ombra di dubbio l'apprendimento stabile dei contenuti dell'insegnamento impartito ai propri figli e che dimostrerà quanto essi non si riveleranno mai persone infarcite d'un sapere puramente nozionistico ed incapaci di fare collegamenti significativi tra i vari campi della nostra cultura, e tra questi e la vita quotidiana... Non ascoltate mai consigli, che so, di un Silvano Agosti sul valore educativo di viaggi in zaino e sacco a pelo: prenotate invece vacanze super organizzate anche per i ragazzotti e non abbiate paura che, per cercare emozioni, si mettano in altri guai: ai vostri figli non capiterà mai!... Continuate così, a far le file nelle presidenze scolastiche per parlare dei figli degli altri ed auguratevi che la differenziale sia ripristinata dalla Gelmini il più presto possibile per dividere in ceti anche la popolazione scolastica... cosicché il candore che avete coltivato e protetto con tanta lungimiranza non sia mai contaminato...
A questi genitori, dunque, il mio pensiero: complimenti per i vostri angeli, e voi continuate pure a guardare le nuvole in cielo...
Cristina Rocchetto (educatrice e consulente pedagogista)

Commenti

  1. mi piace... anche se... un poco più di rabbia non guasterebbe

    RispondiElimina
  2. Grazie Pino... Io credo che, quando si scrive indignati, non si debba eccedere troppo, altrimenti costringiamo chi ascolta a sentrsi attaccato ed a difendersi... se si vuole produrre riflessioni, bisogna cercare di essere ragionevolmente misurati... Comunque, nel terzo di questa serie di articoli credo che la rabbia si senta di più...

    RispondiElimina
  3. La breve riflessione è stata gentilmente riportata nel sito di MarsicaNews: http://www.marsicanews.it/jsps/135/Notizie/211/News/265/Commenti_recenti.jsp?inizio=1&dettaglio=16466

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…