Passa ai contenuti principali

Marco Simoncelli. Piccola riflessione su una scomparsa nota - di Cristina Rocchetto

Sulla rete mi è capitato di leggere vari commenti, di cui pochi un po' critici sulla reazione che tanti hanno avuto davanti alla morte di Marco Simoncelli. Dico una cosa piccola piccola, sapendo che di fronte alla morte le parole non bastano.

"Sentire" la morte di un personaggio noto non credo sia una forma di irriverenza verso la morte degli altri: un personaggio noto è caricato, si direbbe seguendo qualche scuola psicologica ed il suo linguaggio, delle "proiezioni" (di sogni, ideali, speranze etc..) di chi lo conosce così.
Non credo dunque che per l'essere comune la morte di una persona non nota abbia un significato umano inferiore, e non metterei la cosa su questo piano: altrimenti sembra si voglia pesare quale morte "valga" di più... una cosa sgradevole per tutti... La persona non conosciuta non è però mai stata collegata al suo mondo emotivo e non lo coinvolge fino a quando il soggetto umano non ha modo di identificarsi o proiettarsi o sentire empatia, a seconda della prospettiva, con qualcosa che riguarda la persona deceduta o la sua storia o la situazione.
Ora, la morte di un ragazzo di 24 anni che corre inseguendo il suo sogno può toccare un genitore cosciente che la gioia del figlio valga più dei pericoli, e che la sua libertà di scelta più di una vita frustrata; può toccare qualsiasi ragazzo che ami le moto e che sogni semmai anche di correre; può toccare un coetaneo che guarda al numero degli anni, può toccare chi sa di aver rischiato o visto rischiare o morire... Questo essere carico di possibilità di "ricevere" proiezioni - o come le vogliamo chiamare - segna la differenza, che sinceramente non credo riguardi l'indifferenza alla morte degli altri: anche gli altri, ragazzine come Yara, come Sara, come altre ricevono tributi molteplici... Certo che la cosa dipende da una notorietà in ultima analisi decisa dai media... si può discutere su questo, semmai... ma non discutere sulla tragica morte di questo ragazzo paragonandola ad altre tragedie meno alla portata di tutti... non credo sia una questione di colpa, né di vera indifferenza, in questo caso; e dispiace anche a me leggerlo, a me che ho letto questa notizia soprattutto da mamma.
Cristina Rocchetto (educatrice e consulente pedagogista)


Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.