Passa ai contenuti principali

Concorso per dirigenti scolastici: già si parla di “concorso truccato” - di Gennaro Capodanno

Se, per come si preannuncia, il concorso per dirigenti scolastici, ancora alle prime battute, seguirà le orme del suo predecessore, vale a dire del concorso bandito nel 2004, di esso si continuerà a parlare ancora per diversi anni, con un presumibile contenzioso giudiziario ed amministrativo destinato ad ingolfare ulteriormente le aule di giustizia.
Siamo ancora alla vigilia delle prove preselettive è già la pletora di polemiche e di contestazioni tra gli addetti ai lavori ha raggiunto soglie inimmaginabili. Si è partiti con la batteria di test, che doveva essere pubblicata il 1° settembre, per la presunta divulgazione anticipata della quale si è parlato, da più parti, di fuga di notizie. Si è poi passati alla vicenda dei test con errori o imprecisioni, da eliminare dalla batteria originaria, il cui elenco sarà reso ufficialmente noto solo a pochi giorni di distanza dall’effettuazione della prova. Ultima, in ordine di tempo, ma, ripeto, siamo solo agli inizi, la denuncia contenuta in una lettera apparsa su un sito scolastico, dove si parla di “concorso truccato”, in relazione alla nomina di un presidente di commissione esaminatrice che, sebbene in una regione diversa da quella dove è stato nominato, avrebbe svolto attività e tenuto lezioni in un corso realizzato per partecipanti al concorso. In relazione a questo aspetto va sottolineato che la disciplina riguardante l’incompatibilità tra i componenti della commissione ed i concorrenti è contenuta nel D.P.R.  n.487/1994, dove all’art. 11 si rinvia sostanzialmente agli articoli 51 e 52 del codice di procedura civile, che disciplinano, rispettivamente, l’astensione e la ricusazione del giudice. In attesa di una specifica auspicabile normativa, va osservato che al punto 4 del comma 1 dell’art. 51 cpc si precisa che il giudice ha l’obbligo di astenersi: “se ha dato consiglio o prestato patrocinio  nella causa, o ha deposto in essa come testimone, oppure ne ha conosciuto come magistrato in altro grado del processo o come arbitro o vi ha prestato assistenza come consulente tecnico “. Se dalla norma possa scaturire l’incompatibilità, dal punto di vista giuridico, nella vicenda segnalata, è un nodo che andrà sciolto nelle sedi competenti. Nell’attesa di una tale pronuncia, che ci auguriamo avvenga al più presto, ragioni di opportunità suggerirebbero di evitare che funzionari che hanno prestato la propria opera professionale in un corso per la preparazione ad un concorso pubblico facciano parte di una commissione esaminatrice per lo stesso concorso, seppure nominata per altra regione. Nel caso specifico è auspicabile che i direttori generali degli uffici scolastici regionali, anche alla luce del caso segnalato, pongano particolare attenzione sulle nomine di loro competenza, contribuendo così a restituire serenità e fiducia ai partecipanti  ad un concorso che già naviga in acque particolarmente perigliose.

Gennaro Capodanno

Una grave denuncia relativa al concorso per dirigenti scolastici
 
Una grave denuncia,da verificare, per gi eventuali provvedimenti consequenziali, in merito al concorso per dirigenti scolastici è stata quest’oggi pubblicata nelle lettere de "La tecnica della scuola” al seguente link:
 
Gennaro Capodanno
Fondatore del gruppo “ Concorso per dirigente tecnico e per dirigente scolastico
 
CONCORSO TRUCCATO
 
30/09/2011

Denuncio un fatto molto grave in merito al concorso a dirigente scolastico 2011. Il dott. Bottino Alberto, ex direttore scolastico regionale per la Campania, si è fatto nominare presidente di commissione giudicatrice del predetto concorso nel Lazio. Il dottor Bottino non può far parte delle commissioni perché ha svolto attività e ha fatto lezione nel corso di preparazione per concorso a dirigente scolastico, organizzato dall'ANDIS, presso l'istituto "Villari" di Napoli. Nella nostra città c' è sconcerto e disgusto per questa circostanza. Questo concorso è proprio truccato!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…