Passa ai contenuti principali

Ma il voto in pagella è la stessa cosa della certificazione delle competenze? - di Luigi Gaudio

Il problema che si è evidenziato quest'anno con la certificazione alla fine dell'obbligo è la contraddizione fra gli esiti delle prove sulle conoscenze e i livelli di competenza raggiunti.
In altri termini, alcuni alunni, magari indolenti e incostanti, se non addirittura del tutto assenti o ostili al lavoro scolastico, hanno dimostrato invece, magari, di avere competenze, anche ad un livello avanzato.
Ma questo, invece di essere un problema, potrebbe essere una risorsa, qualcosa che mette in crisi l'idea che noi abbiamo di quel ragazzo, totalmente negativo, nullo o inesistente, che però, si scopre, avere delle doti nascoste.
Questo mostra un fianco scoperto della nostra scuola, che è brava a bocciare, ma non sempre a promuovere o valorizzare, che talvolta esclude o emargina alcuni, che potrebbero invece essere recuperati.
Il punto infatti è come "recuperare" quegli alunni, come interessarli, coinvolgerli, sviluppare le loro capacità, e non come liberarcene, perché magari danno fastidio. Certe volte, per esempio potremmo chiederci "Perché danno fastidio?"
Il problema è allora ripensare il nostro insegnamento, far sì che valorizzi il ragionamento, la partecipazione, la produzione, e non la semplice ripetizione a memoria di quello che dice il professore.
Infatti qualcuno dice che questa contraddizione fra certificazione competenze e pagella potrebbe venir meno a scuola si progettasse per competenze.

Luigi Gaudio

Commenti

  1. Sono d'accordo. Credo che lo sviluppo delle competenze sia comunque il futuro della scuola e della vita in generale. Qusto prevede una riflessione sulle competenze implicite di partenza degli scolari e un lavoro ad ampio spettro in classe da parte degli insegnanti. Bisogna ad esempio puntare sulla motivazione (che spesso è diversa negli alunni), bisogna valorizzare e curare il rapporto tra insegnante e studenti e in alcuni casi recuperarlo, bisogna lavorare sulle emozioni e fare in modo che gli studenti riescano a gestirle e sfruttarle come risorsa, e molto altro ancora ....
    La differenza sostanziale tra l'esito della certificazione e il voto in pagella è che la certificazione è il risultato, la fotografia delle competenze in quel preciso istante, il voto in pagella mostra invece un quadro più ampio ... Cosa ne pensate?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…